OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Sicurezza e attività dell’anticorpo anti-PD-L1 in pazienti con tumore in stadio avanzato


La proteina PD-1 ( programmed death 1 ), un recettore co-inibitorio delle cellule T, e uno dei suoi ligandi, PD-L1, giocano un ruolo di primo piano nella capacità delle cellule tumorali di superare il sistema immunitario dell’ospite.

Il blocco delle interazioni tra PD-1 e PD-L1 aumenta la funzione immune in vitro e media l’attività antitumorale in modelli preclinici.

In uno studio multicentrico di fase 1, l’anticorpo anti-PD-L1 è stato somministrato per via intravenosa ( a dosi scalari da 0.3 a 10 mg per chilogrammo di peso corporeo ) a pazienti con tumori in stadio avanzato selezionati.

L’anticorpo anti-PD-L1 è stato somministrato ogni 14 giorni in cicli di 6 settimane fino a un massimo di 16 cicli o fino alla risposta completa del paziente o alla progressione confermata della malattia.

A febbraio 2012, un totale di 207 pazienti ( 75 con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule, 55 con melanoma, 18 con carcinoma colorettale, 17 con carcinoma a cellule renali, 17 con carcinoma ovarico, 14 con tumore pancreatico, 7 con tumore gastrico e 4 con cancro mammario ) ha ricevuto l’anticorpo anti-PD-L1.

La durata mediana della terapia è stata di 12 settimane ( intervallo da 2 a 111 ).

Effetti tossici di grado 3 o 4 che i ricercatori hanno considerato legati al trattamento si sono manifestati nel 9% dei pazienti.

Tra i pazienti con una risposta valutabile, una risposta oggettiva ( completa o parziale ) è stata osservata in 9 su 52 pazienti con melanoma, 2 su 17 con carcinoma a cellule renali, 5 su 49 con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule e 1 su 17 con carcinoma ovarico.

Le risposte hanno avuto una durata di uno o più anni in 8 dei 16 pazienti con almeno 1 anno di follow-up.

In conclusione, il blocco di PD-L1 mediato da anticorpi ha indotto una regressione tumorale durevole ( tasso di risposta oggettivo da 6 a 17% ) e una prolungata stabilizzazione della malattia ( tassi da 12 a 41% a 24 settimane ) in pazienti con carcinomi in stadio avanzato, incluso carcinoma polmonare non-a-piccole cellule, melanoma e tumore a cellule renali. ( Xagena2012 )

Brahmer JR et al, N Engl J Med 2012; 366: 2455-2465

Onco2012 Farma2012

← Torna inietro