OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Momelotinib versus Ruxolitinib in pazienti naive agli inibitori della Janus chinasi con mielofibrosi: studio SIMPLIFY-1


Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Momelotinib, un potente e selettivo inibitore della Janus chinasi 1 e 2 ( JAKi ), rispetto a Ruxolitinib ( Jakavi ), in pazienti naive agli inibitori diJAK con mielofibrosi.

I pazienti ( n=432 ) con mielofibrosi a rischio elevato o a rischio intermedio 2 o sintomatica a rischio intermedio 1 sono stati randomizzati a ricevere 24 settimane di trattamento con Momelotinib 200 mg una volta al giorno o Ruxolitinib 20 mg due volte al giorno, e dopo tutti i pazienti hanno potuto ricevere Momelotinib in aperto.

L'endpoint primario era una riduzione del 35% o superiore del volume della milza a 24 settimane di terapia.
Gli endpoint secondari erano i tassi di risposta dei sintomi e gli effetti sulla necessità di trasfusione di globuli rossi.

Una riduzione del 35% o superiore del volume di milza alla settimana 24 è stata raggiunta da una proporzione simile di pazienti in entrambi i bracci di trattamento: 26.5% nel gruppo Momelotinib e 29% nel gruppo Ruxolitinib ( non-inferiore; P=0.011 ).

Una riduzione del 50% o superiore del punteggio totale dei sintomi è stata osservata nel 28.4% e nel 42.2% dei pazienti che hanno ricevuto Momelotinib e Ruxolitinib, rispettivamente, indicando che la non-inferiorità non era soddisfatta ( P=0.98 ).

La velocità di trasfusione, l'indipendenza dalle trasfusioni e la dipendenza dalle trasfusioni sono migliorate con Momelotinib ( tutte con P nominale minore o uguale a 0.019 ).

Le più comuni anomalie ematologiche di grado 3 o superiore in entrambi i gruppi sono state trombocitopenia e anemia.

Infezioni di grado 3 o superiore si sono verificate nel 7% dei pazienti che hanno ricevuto Momelotinib e nel 3% dei pazienti che hanno ricevuto Ruxolitinib.

La neuropatia periferica emergente dal trattamento si è verificata nel 10% dei pazienti che hanno ricevuto Momelotinib ( tutti i gradi inferiore o uguale a 2 ) e nel 5% dei pazienti che hanno ricevuto Ruxolitinib ( tutti i gradi inferiore o uguale a 3 ).

In conclusione, nei pazienti mai trattati con inibitori di JAK con mielofibrosi, il trattamento con Momelotinib per 24 settimane è risultato non-inferiore a Ruxolitinib per la risposta della milza, ma non per la risposta dei sintomi.
Il trattamento con Momelotinib è risultato associato a una necessità di trasfusioni ridotta. ( Xagena2017 )

Mesa RA et al, J Clin Oncol 2017; 35: 3844-3850

Onco2017 Emo2017 Farma2017

← Torna inietro