OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Trattamento di combinazione con Rituximab e Cladribina per i pazienti con macroglobulinemia di Waldenstrom


Uno studio ha valutato l'efficacia di 2-cloro-2'-deossiadenosina ( 2-CdA; Cladribina; Litak ) somministrata per via sottocutanea in combinazione con Rituximab nel trattamento dei pazienti con nuova diagnosi o pretrattati per macroglobulinemia di Waldenström, e ha correlato la risposta al trattamento con le osservazioni biologiche ( analisi immunofenotipica e farmacogenomica ).

Nel periodo 2003-2007, sono stati arruolati 29 pazienti.

La terapia consisteva di una combinazione di Rituximab ( 375 mg/m2 ) ( MabThera ) al giorno 1 seguito da Cladribina 0.1 mg/kg ( iniezione sottocutanea ) per 5 giorni consecutivi, somministrata mensilmente per 4 cicli.

Anemia ( n=16), sintomi neurologici ( n=6), crioglobulinemia sintomatica ( n=4 ) e trombocitopenia ( n=3 ) hanno rappresentato le ragioni dell'inizio del trattamento.

Sono state valutate le espressioni di Zap-70 ( zeta chain-associated protein kinase 70 ) e di 7 geni coinvolti nel metabolismo della Cladribina come marcatori di risposta al trattamento combinato.

Con un follow-up mediano di 43 mesi, il tasso di risposta generale osservato è stato pari all’89.6%, con 7 risposte complete, 16 parziali e 3 minori, senza alcuna differenza tra i nuovi pazienti o quelli pre-trattati ( P=0.522 ).

La terapia è risultata ben tollerata, fatta eccezione per una tossicità cardiaca transitoria ( n=2 ) e per intolleranza a Rituximab ( n=2 ).

Non sono state osservate infezioni maggiori nonostante la mancanza di profilassi antibiotica, nessun paziente ha mostrato trasformazione a linfoma non-Hodgkin di alto grado o a mielodisplasia.

Bassi livelli di espressione di hCNT1 ( concentrative nucleoside transporter 1 ) sono risultati correlati al mancato raggiungimento di una risposta completa ( P=0.024 ), mentre non è emersa alcuna correlazione con l'espressione di Zap-70.

In conclusione, la combinazione di Rituximab e Cladribina per via sottocutanea è sicura ed efficace in pazienti con macroglobulinemia di Waldenström che necessitano di trattamento e l'analisi farmacogenomica associata allo studio suggerisce che hCNT1 potrebbe essere utile nel predire la risposta clinica a questo trattamento di combinazione. ( Xagena2010 )

Laszlo D et al, J Clin Oncol 2010; 28: 2233-2238


Onco2010 Emo2010 Farma2010 MalRar2010

← Torna inietro