OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Irradiazione linfonodale regionale nel cancro al seno in fase iniziale


La maggior parte delle donne con tumore al seno che si sottopongono a chirurgia conservativa del seno ricevono irradiazione di tutto il seno.
Si è determinato se l'aggiunta dell’irradiazione linfonodale regionale all’irradiazione dell’intero seno abbia migliorato i risultati.

Donne con cancro al seno linfonodo-positivo o linfonodo-negativo ad alto rischio trattate con chirurgia conservativa del seno e terapia sistemica adiuvante sono state randomizzate a sottoporsi all’irradiazione di tutto il seno più irradiazione linfonodale regionale ( inclusi linfonodi mammari interni, sopraclavicolari e ascellari; gruppo di irradiazione linfonodale ) o all’irradiazione dell’intero seno da sola ( gruppo di controllo ).

L'esito primario era la sopravvivenza globale. Gli esiti secondari erano la sopravvivenza libera da malattia, la sopravvivenza libera da malattia locoregionale isolata, e la sopravvivenza libera da malattia a distanza.

Tra il 2000 e il 2007, in totale 1.832 donne sono state assegnate al gruppo di irradiazione linfonodale o al gruppo di controllo ( 916 donne in ciascun gruppo ). Il follow-up è stato di 9.5 anni.

Al follow-up a 10 anni, non vi è stata alcuna differenza significativa tra i gruppi in termini di sopravvivenza, con un tasso dell’82.8% nel gruppo di irradiazione linfonodale e dell’81.8% nel gruppo di controllo ( hazard ratio, HR=0.91; P=0.38 ).

I tassi di sopravvivenza libera da malattia sono stati 82.0% nel gruppo di irradiazione linfonodale e 77.0% nel gruppo di controllo ( HR=0.76; P=0.01 ).

Le pazienti nel gruppo di irradiazione linfonodale hanno avuto tassi più alti di polmonite acuta di grado 2 o maggiore ( 1.2% vs 0.2%, P= 0.01 ) e linfedema ( 8.4% vs 4.5%, P=0.001 ).

In conclusione, tra le donne con cancro linfonodo-positivo o linfonodo-negativo ad alto rischio, l'aggiunta di irradiazione linfonodale regionale all’irradiazione dell’intero seno non ha migliorato la sopravvivenza globale, ma ha ridotto il tasso di recidiva di cancro al seno. ( Xagena2015 )

Whelan TJ et al, N Engl J Med 2015; 373: 307-316

Onco2015 Gyne2015


← Torna inietro