OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




La chirurgia di salvataggio migliora gli esiti dei pazienti con carcinoma esofageo dopo chemioradioterapia definitiva


Uno studio clinico multicentrico ha valutato l'impatto della esofagectomia di salvataggio dopo chemioradioterapia definitiva sui risultati oncologici dei pazienti affetti da carcinoma esofageo.

Dopo aver raccolto i dati relativi ai pazienti sottoposti a intervento di resezione chirurgica per carcinoma esofageo in 30 Centri europei nel periodo 2000-2010, lo studio ha confrontato i risultati clinici dei pazienti sottoposti a esofagectomia di salvataggio dopo chemioradioterapia definitiva ( gruppo SALV; n=308 ) con i risultati dei pazienti sottoposti a esofagectomia standard dopo chemioradioterapia neoadiuvante ( gruppo NCRS; n=540 ).

Lo studio ha inoltre confrontato gli esiti dei pazienti sottoposti a esofagectomia per il trattamento della malattia resistente ( n=234 ) con i risultati dei pazienti sottoposti a esofagectomia per il trattamento di recidiva della malattia ( n=74 ).

L'analisi dei dati ha evidenziato un tasso di mortalità ospedaliera simile in entrambi i gruppi di pazienti, pari all'8.4% nei pazienti sottoposti a esofagectomia di salvataggio e al 9.3% nei pazienti sottoposti a esofagectomia standard.
Valori simili sono stati inoltre osservati per i tassi di sopravvivenza globale a 3 anni ( 43.3% gruppo SALV versus 40.1% gruppo NCRS; P = 0.542 ) e per i tassi di sopravvivenza libera da malattia ( 39.2% gruppo SALV vs 32.8% gruppo NCRS; P = 0.232 ).

Per quanto riguarda l'incidenza di complicanze postoperatorie, nei pazienti sottoposti a esofagectomia di salvataggio ( gruppo SALV ) è stata osservata un'aumentata frequenza di perdita anastomotica ( 17.2% versus 10.7%; P = 0.007 ) e di infezioni del sito chirurgico.

Dal confronto degli esiti clinici dei pazienti sottoposti a esofagectomia per il trattamento della malattia resistente e per il trattamento di recidiva della malattia sono emerse differenze significative sia in termini di mortalità ospedaliera che di complicanze postoperatorie maggiori.

Rispetto ai pazienti trattati per recidiva della malattia, i pazienti sottoposti a esofagectomia per il trattamento della malattia resistente presentavano una minore sopravvivenza globale a 3 anni ( 40.9% vs 56.2%; P = 0.046 ) e una minore sopravvivenza libera da malattia ( 36.6% vs 51.6%; P = 0.095 ).

In conclusione, i risultati dello studio hanno dimostrato che l'esofagectomia di salvataggio è in grado di offrire risultati soddisfacenti, sia nel breve che nel lungo termine, in specifici gruppi di pazienti selezionati.
L'esofagectomia di salvataggio non rappresenta tuttavia una strategia efficace nel trattamento delle varianti di tumore resistenti a chemioterapia, caratterizzate da una maggiore aggressività biologica e da un minore tasso di sopravvivenza rispetto alle forme recidivanti di cancro. ( Xagena2015 )

Markar S et al, J Clin Oncol 2015; 33: 3866-3873

Onco2015 Gastro2015 Chiru2015


← Torna inietro