OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Attività terapeutica di Erwinia asparaginasi dopo allergia a Pegaspargasi


Lo studio AALL07P2 ha valutato se la sostituzione di Erwinia asparaginasi ( Erwinaze ) 25.000 UI/m2 per 6 dosi somministrate per via intramuscolare lunedi / mercoledì / venerdì ( M/W/F ) a bambini e giovani adulti con leucemia linfoblastica acuta e allergia clinica per Pegaspargasi ( Oncaspar ) possa fornire una attività della Asparaginasi nel siero con nadir a 48 ore ( NSAA ) maggiore o uguale a 0.10 UI/mL.

Lo studio AALL07P2 ha arruolato 55 pazienti eleggibili / valutabili.

NSAA maggiore o uguale a 0.1 UI/ml è stato raggiunto in 38 dei 41 pazienti ( 92.7% ) con campioni accettabili 48 ore dopo la somministrazione e in 38 dei 43 pazienti ( 88.4% ) 72 ore dopo la somministrazione durante il ciclo 1.

Tra i campioni ottenuti durante tutti i cicli, il 95.8% dei campioni ( 252 su 263 ) a 48 ore e l’84.5% dei campioni ( 125 su 148 ) a 72 ore aveva NSAA maggiore o uguale a 0.10 UI/mL.

Erwinia asparaginasi somministrata in momenti programmati ha raggiunto NSAA terapeutico sia a 48 sia a 72 ore, ed è stata ben tollerata, senza segnalazioni di casi di emorragia, trombosi, o morte, e con pochi casi di reazione allergica di grado 2-3 ( n=6 ), iperglicemia di grado 1-3 ( n=6 ), o pancreatite di grado 1 ( n=1 ).

In seguito alla allergia a Pegaspargasi, Erwinia asparaginasi 25.000 UI/m2 x 6 per via intramuscolare M/W/F può sostituire una singola dose di Pegaspargasi. ( Xagena2013 )

Salzer WL et al, Blood 2013; 122: 4: 507-514

Emo2013 Onco2013 Farma2013

← Torna inietro