OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Inibizione del pathway hedgehog nei pazienti con sindrome basocellulare del nevo


La deregolazione della via di segnalazione hedgehog è la principale anomalia molecolare alla base dei carcinomi a cellule basali.

Vismodegib ( Erivedge ) è un nuovo inibitore del pathway hedgehog, somministrato per via orale, che porta risposte oggettive nel carcinoma a cellule basali localmente avanzato e metastatico.

È stata valutata l’efficacia antitumorale di Vismodegib in uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, condotto su pazienti con la sindrome basocellulare del nevo in tre Centri clinici nel periodo 2009-2011.

L’endpoint primario era la riduzione nell’incidenza di nuovi carcinomi a cellule basali eleggibili per la resezione chirurgica con Vismodegib versus placebo dopo 3 mesi; gli endpoint secondari includevano la riduzione nella dimensione del carcinoma a cellule basali esistente.

In 41 pazienti, seguiti per una media di 8 mesi ( intervallo, 1-15 ) dopo l’arruolamento, il tasso per-paziente di nuovi carcinomi a cellule basali eleggibili per la chirurgia è risultato più basso con Vismodegib che con placebo ( 2 casi vs 29 per gruppo per anno, P inferiore a 0.001 ), così come la dimensione ( cambiamento percentuale dal basale nella somma del diametro più lungo ) dei carcinomi a cellule basali esistenti e clinicamente significativi ( -65% vs -11%, P=0.003 ).

In alcuni pazienti, tutti i carcinomi basocellulari sono regrediti.

Nessun tumore ha mostrato progressione durante il trattamento con Vismodegib.

I pazienti trattati con Vismodegib in modo routinario hanno mostrato eventi avversi di grado 1 o 2 di perdita del gusto, crampi muscolari, perdita dei capelli e calo ponderale.

In generale, il 54% dei pazienti ( 14 su 26 ) trattati con Vismodegib ha interrotto il trattamento farmacologico a causa di eventi avversi.

A 1 mese, l’uso di Vismodegib ha ridotto l’espressione del gene target del pathway di hedgehog del carcinoma a cellule basali del 90% ( P inferiore a 0.001 ), e ha diminuito la proliferazione delle cellule tumorali, ma l’apoptosi non è stata influenzata.

Nessun basalioma residuo è stato rintracciato nell’83% dei campioni bioptici prelevati dai siti di regressione clinica dei carcinomi a cellule basali.

In conclusione, Vismodegib ha ridotto l’impatto del carcinoma a cellule basali e ha bloccato la crescita di nuovi carcinomi a cellule basali in pazienti con la sindrome basocellulare del nevo.
Gli eventi avversi associati al trattamento hanno portato all’interruzione della terapia in oltre la metà dei pazienti trattati. ( Xagena2012 )

Tang JY et al, N Engl J Med 2012; 366: 2180-2188



Onco2012 Dermo2012 Farma2012

← Torna inietro