OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Esiti riferiti dal paziente a seguito del trattamento con Enzalutamide o placebo negli uomini con tumore alla prostata resistente alla castrazione non-metastatico


Nello studio PROSPER, Enzalutamide ( Xtandi ) ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da metastasi nei pazienti con tumore prostatico resistente alla castrazione, non-metastatico.

Sono stati riportati gli esiti riferiti dai pazienti partecipanti allo studio.

Nello studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, di fase 3 PROSPER, condotto in 254 siti di studio in tutto il mondo, pazienti di età pari o superiore a 18 anni con tumore prostatico non-metastatico, resistente alla castrazione, e tempo di raddoppiamento dell'antigene prostatico specifico ( PSA ) fino a 10 mesi, sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Enzalutamide per os ( 160 mg al giorno ) oppure placebo.
La randomizzazione è stata stratificata per il tempo di raddoppiamento di PSA e per l'uso al basale di un agente mirato all'osso.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da metastasi, riportata altrove. Gli endpoint secondari di efficacia, riportati qui, erano la progressione del dolore ( valutata dal questionario Brief-Short Inventory Short Form, BPI-SF ) e la qualità di vita correlata alla salute ( valutata con lo European Organisation for Research and Treatment of Cancer Quality of Life Questionnaire, [ EORTC QLQ-PR25 ], il questionario sulla salute EuroQoL 5-Dimensions 5-Levels scala analogica visiva [ EQ-5D-FL EQ-VAS ], i questionari Functional Assessment of Cancer Therapy-Prostate, [ FACT-P ] ).

I pazienti hanno completato i questionari al basale, alla settimana 17 e successivamente ogni 16 settimane fino all'interruzione del trattamento.

Tra il 2013 e il 2017, sono stati arruolati 1.401 pazienti e assegnati in modo casuale a ricevere Enzalutamide ( n=933 ) oppure placebo ( n=468 ).

Il follow-up mediano è stato di 18.5 mesi nel gruppo Enzalutamide e 15.1 mesi nel gruppo placebo.
I punteggi degli esiti riferiti dal paziente al basale erano simili tra i gruppi.

Le variazioni dei minimi quadrati medi dal basale alla settimana 97 hanno favorito Enzalutamide rispetto al placebo per il benessere sociale e familiare FACT-P ( 0.30 vs -0.64, differenza 0.94; P=0.045 ) e sfavorito Enzalutamide rispetto al placebo per i sintomi correlati al trattamento ormonale alla scala EORTC QLQ-PR25 ( 1.55 vs -1.83, differenza 3.38; P=0.0020 ); nessuno di questi cambiamenti era clinicamente significativo.

Non sono state osservate differenze significative tra i trattamenti per i cambiamenti dal basale alla settimana 97 in qualsiasi altro punteggio di esito riferito dal paziente.

Il tempo a una progressione del dolore clinicamente significativa valutata dalla gravità del dolore BPI-SF è stato più lungo con Enzalutamide rispetto al placebo ( mediana 36.83 mesi; hazard ratio, HR=0.75; P=0.028 ); non c’è stata alcuna differenza significativa per il punto 3 della scala BPI-SF o per l'interferenza del dolore.

Il tempo a un peggioramento sintomatico clinicamente significativo è stato più lungo con Enzalutamide rispetto al placebo per i sintomi urinari secondo EORTC QLQ-PR25 ( mediana 36.86 mesi vs 25.86; HR=0.58; P minore di 0.0001 ) e i sintomi intestinali ( 33.15 vs 25.89; 0.72; P=0.0018 ), e qualità di vita correlata alla salute clinicamente significativa, valutata dal punteggio totale FACT-P ( 22.11 vs 18.43; 0.83; P=0.037 ), benessere emotivo ( 36.73 vs 29.47; 0.69; P=0.0008 ) e sottoscala del tumore prostatico ( 18.43 vs 14.69; 0.79; P=0.0042 ), sebbene non vi fosse alcuna differenza significativa per altri punteggi FACT-P.

Il tempo al deterioramento clinicamente significativo dei sintomi correlati al trattamento ormonale alla scala EORTC QLQ-PR25 è stato più breve con Enzalutamide rispetto al placebo ( mediana 33.15 mesi vs 36.83; HR=1.29; P=0.035 ).

Il tempo al deterioramento alla scala EQ-VAS è risultato significativamente più lungo per Enzalutamide rispetto al placebo ( mediana 22.11 mesi vs 14.75; HR=0.75; P=0.0013 ).

I pazienti con tumore prostatico non-metastatico e resistente alla castrazione trattati con Enzalutamide hanno avuto una sopravvivenza libera da metastasi più lunga rispetto a coloro che hanno ricevuto placebo, pur mantenendo bassi livelli di dolore e carico dei sintomi di cancro alla prostata e un'alta qualità di vita correlata alla salute.

Enzalutamide ha mostrato un beneficio clinico ritardando la progressione del dolore, il peggioramento dei sintomi e la diminuzione dello stato funzionale, rispetto al placebo.
Questi risultati suggeriscono che Enzalutamide è un'opzione di trattamento che dovrebbe essere discussa con i pazienti che presentano un tumore alla prostata ad alto rischio, non-metastatico e resistente alla castrazione. ( Xagena2019 )

Tombal B et al, Lancet Oncology 2019; 20: 556-569

Onco2019 Uro2019 Farma2019

← Torna inietro