OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Cancro: sicurezza ed efficacia di Rolapitant per la prevenzione di nausea e vomito indotti da chemioterapia dopo chemioterapia moderatamente emetogena o antracicline e Ciclofosfamide


Nausea e vomito indotti dalla chemioterapia sono un effetto collaterale comune di molti regimi antineoplastici e possono verificarsi per diversi giorni dopo il trattamento.
Uno studio ha valutato l’antagonista del recettore neurochinina-1 Rolapitant ( Varubi ), in combinazione con un antagonista del recettore della serotonina ( 5-HT3 ) e Desametasone, per la prevenzione di nausea e vomito indotti dalla chemioterapia nei pazienti con tumore dopo somministrazione di chemioterapia moderatamente emetogena o regimi contenenti antracicline e Ciclofosfamide.

È stato condotto uno studio di fase 3 randomizzato, in doppio cieco globale, con controllo attivo, presso 170 Centri oncologici in 23 Paesi.
Sono stati inclusi pazienti adulti con tumore, che non avevano ricevuto chemioterapia moderatamente o altamente emetogena prima, con un punteggio di Karnofsky ( Perfomance Status ) di 60 o superiore, e una speranza di vita prevista di 4 mesi o più.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Rolapitant per os ( dose di 180 mg; gruppo Rolapitant ) oppure placebo identico nell'aspetto ( gruppo di controllo attivo ) 1-2 ore prima della somministrazione della chemioterapia moderatamente emetogena.
I pazienti sono stati stratificati per sesso.

Tutti i pazienti hanno anche ricevuto Granisetron ( 2 mg per os ) e Desametasone ( 20 mg per os ) nel giorno 1 ( tranne i pazienti trattati con taxani come parte della chemioterapia moderatamente emetogena, che hanno ricevuto Desametasone secondo la scheda tecnica ) e Granisetron ( 2 mg per os ) nei giorni 2-3.

Ogni ciclo è durato un minimo di 14 giorni.
In un massimo di 5 cicli successivi, i pazienti hanno ricevuto lo stesso farmaco in studio a cui erano stati assegnati nel ciclo 1, a meno che non avessero scelto di abbandonare lo studio o fossero stati rimossi dal trattamento a discrezione del medico curante.

L’analisi di efficacia è stata fatta nella popolazione intention-to-treat modificata ( che ha compreso tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio in un sito di studio conforme alla buona pratica clinica GCP ).

L'endpoint primario era la percentuale di pazienti che hanno raggiunto una risposta completa ( definita come assenza di emesi o uso di farmaci di salvataggio ) nella fase ritardata ( 24-120 ore dopo l'inizio della chemioterapia ) nel ciclo 1.

Lo studio è stato completato.

Tra il 2012 e il 2013, 1.369 pazienti sono stati randomizzati a ricevere Rolapitant ( n=684 ) oppure un controllo attivo ( n = 685 ).
666 pazienti in ciascun gruppo hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio e sono stati inclusi nella popolazione intention-to-treat modificata.

Una percentuale significativamente maggiore di pazienti trattati con Rolapitant ha presentato una risposta completa nella fase ritardata rispetto a quelli trattati con controllo attivo ( 475, 71%, vs 410, 62%; odds ratio, OR=1.6; P=0.0002 ).

L'incidenza di eventi avversi è stata simile nei gruppi Rolapitant e controllo; gli eventi avversi correlati al trattamento più frequentemente riportati sono stati: affaticamento, costipazione, e mal di testa.
Per il ciclo 1, il più comune evento avverso di grado 3-4 nel gruppo Rolapitant rispetto al gruppo controllo attivo è stata la neutropenia ( 32 pazienti, 5%, vs 23, 3% ).
Nessun evento avverso grave è risultato correlato al trattamento, e nessun evento avverso correlato al trattamento ha provocato la morte.

Rolapitant in combinazione con un antagonista 5-HT3 e Desametasone è ben tollerato e ha mostrato superiorità rispetto al controllo attivo per la prevenzione di nausea e vomito indotti da chemioterapia durante il periodo di 5 giorni ( 0-120 ore ) a rischio dopo la somministrazione di chemioterapia moderatamente emetogena o regimi contenenti antracicline e Ciclofosfamide. ( Xagena2015 )

Schwartzberg LS et al, Lancet 2015; 16: 1071-1078

Onco2015 Gastro2015 Farma2015

← Torna inietro