OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Oxaliplatino, Fluorouracile e Leucovorina con o senza Cetuximab in pazienti con resezione del colon per tumore


Dal 1990, la chemioterapia adiuvante a base di Fluorouracile ha ridotto significativamente il rischio di recidive tumorali in pazienti con cancro al colon in stadio III.
Uno studio ha valutato se l'aggiunta di Cetuximab ( Erbitux ) alla chemioterapia adiuvante standard con Oxaliplatino, Fluorouracile e Leucovorina ( FOLFOX4 ) in pazienti con cancro del colon in stadio III abbia migliorato la sopravvivenza libera da malattia.

Per questo studio in aperto, randomizzato, di fase 3, condotto in 9 Paesi europei, sono stati randomizzati pazienti con resezione ( R0 ) della malattia in stadio III a ricevere 12 cicli di FOLFOX4 due volte alla settimana, con o senza Cetuximab.

I pazienti sono stati stratificati per N-status ( N1 vs N2 ), T-status ( T1-3 vs T4 ) e stato di ostruzione o perforazione ( nessun ostacolo e nessuna perforazione vs ostruzione o perforazione o entrambi ).

Un emendamento del protocollo ( applicato nel giugno 2008, dopo che 2.096 pazienti sono stati assegnati in modo casuale al trattamento ) ha limitato l’iscrizione ai pazienti con tumori wild-type ai codoni 12 e 13 nell’esone 2 del gene KRAS ( KRAS esone 2 wild-type ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da malattia.

Tra il 2005 e il 2009, 2.559 pazienti provenienti da 340 siti in Europa sono stati assegnati in modo casuale.
Di questi pazienti, 1.602 avevano tumori KRAS esone 2 wild-type ( popolazione intention-to-treat ); 791 nel gruppo FOLFOX4 più Cetuximab e 811 nel gruppo FOLFOX4.

Il follow-up è stato di 3.3 anni.

Nei gruppi sperimentali e di controllo, la sopravvivenza libera da malattia è stata simile nella popolazione intention-to-treat ( hazard ratio, HR=1.05; P=0.66 ) e in pazienti con tumori KRAS esone 2 / BRAF wild-type ( n=984, HR=0.99 ) o tumori KRAS esone 2-mutati ( n=742, HR=1.06 ).

Sono state notate risposte eterogenee all'aggiunta di Cetuximab in analisi di sottogruppo pianificate.

Eruzioni acne-simili di grado 3 o 4 ( in 209 di 785 pazienti, 27%, vs 4 di 805, inferiore a 1% ), diarrea ( 113, 14%, vs 70, 9% ), mucosite ( 63, 8%, vs 10, 1% ) e reazioni correlate alla infusione ( 55, 7%, vs 30, 4% ) sono state più frequenti nei pazienti trattati con FOLFOX4 più Cetuximab rispetto ai pazienti che hanno ricevuto solo FOLFOX4.

L'aggiunta di Cetuximab a FOLFOX4 non ha migliorato la sopravvivenza libera da malattia rispetto a FOLFOX4 da solo nei pazienti con cancro al colon di fase III KRAS wild-type esone 2 resecato.
Questo studio non può trarre conclusioni sul beneficio del Cetuximab nella popolazione studiata, ma l'eterogeneità di risposta suggerisce che siano necessarie ulteriori indagini sul ruolo di FOLFOX4 più Cetuximab in sottogruppi di pazienti. ( Xagena2014 )

Taieb J et al, Lancet 2014;15:862-873

Onco2014 Gastro2014 Farma2014

← Torna inietro