OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Osimertinib per il tumore polmonare non-a-piccole cellule con mutazioni non-comuni di EGFR


Circa il 10% dei pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) positivo al recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR ) presenta mutazioni non-comuni.

E' stata riportata l'efficacia e la sicurezza di Osimertinib nei pazienti con tumore NSCLC portatori di mutazioni EGFR non-comuni.

È stato condotto uno studio multicentrico, a braccio singolo, in aperto, di fase II in Corea.
I pazienti con tumore NSCLC metastatico o ricorrente istologicamente confermato che presentavano mutazioni EGFR diverse dalla delezione dell'esone 19, mutazioni L858R e T790M e inserzione dell'esone 20 erano ammissibili allo studio.

L'endpoint primario, il tasso di risposta obiettiva ( ORR ), è stato valutato ogni 6 settimane in base ai criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi versione 1.1.
Gli endpoint secondari erano la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la sopravvivenza globale ( OS ), la durata della risposta ( DOR ) e la sicurezza.

Tra il 2016 e il 2017, sono stati arruolati 37 pazienti. Tutti erano valutabili tranne un paziente che ha ritirato il consenso dopo aver iniziato il trattamento.
L'età media era di 60 anni e 22 ( 61% ) erano maschi.

Tra i pazienti, il 61% ha ricevuto Osimertinib ( Tagrisso ) come terapia di prima linea.
Le mutazioni identificate erano G719X ( n=19; 53% ), seguite da L861Q ( n=9; 25% ), S768I ( n=8; 22% ) e altre ( n=4; 11% ).

Il tasso di risposta obiettiva è stato del 50% ( 18 su 36 pazienti ). La sopravvivenza libera da progressione mediana è stata di 8.2 mesi e la sopravvivenza globale mediana non è stata raggiunta. La durata mediana della risposta è stata di 11.2 mesi.

Gli eventi avversi di qualsiasi grado sono stati eruzione cutanea ( n=11; 31% ), prurito ( n=9; 25% ), diminuzione dell'appetito ( n=9; 25% ), diarrea ( n=8; 22% ) e dispnea ( n=8; 22% ), ma tutti gli eventi avversi erano gestibili.

Osimertinib ha dimostrato attività favorevole con tossicità gestibile nei pazienti con carcinoma ala polmone non-a-piccole cellule che presentavano mutazioni insolite di EGFR. ( Xagena2020 )

Cho JH et al, J Clin Oncol 2020; 38: 488-495

Pneumo2020 Onco2020 Farma2020

← Torna inietro