OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Valutazione dell’esito di trattamento nei pazienti con linfoma di Hodgkin di età uguale o superiore ai 60 anni


Il Programma SHIELD per il linfoma di Hodgkin in pazienti di età uguale o superiore a 60 anni, ha valutato in modo prospettico le caratteristiche cliniche e gli esiti in un ampia coorte di pazienti ( n=175 ).

L’elemento centrale era uno studio di fase 2 sulla chemioterapia VEPEMB ( Vinblastina, Ciclofosfamide, Procarbazina, Etoposide, Mitoxantrone e Bleomicina ) ( n=103, età mediana 73 anni ) che ha preso in esame, anche, le comorbilità.

In totale, altri 72 pazienti sono stati analizzati off-study, ma sono stati registrati in modo prospettico e trattati contemporaneamente con: regime ABVD ( n=35 ); regime CLVPP ( n=19 ) o altro ( n=18 ).

Tra i pazienti del gruppo VEPEMB, 31 avevano malattia in stadio iniziale ( stadio 1A/2A ) e hanno ricevuto VEPEMB 3 volte più radioterapia.

Il follow-up mediano è stato di 36 mesi.

Il tasso di remissione completa ( intention-to-treat ) è stato del 74% e i tassi a 3 anni per sopravvivenza generale e sopravvivenza libera da progressione sono stati, rispettivamente, pari a 81% e 74%.

Nello studio, 72 pazienti presentavano malattia in stadio avanzato ( stadio 1B/2B/3 o 4 ) e hanno ricevuto VEPEMB 6 volte.

Il tasso di risposta completa è stato pari a 61% con una sopravvivenza generale e una sopravvivenza libera da progressione a 3 anni, rispettivamente, di 66% e 58%.

Tra i pazienti che hanno raggiunto risposta completa, il 13% con malattia in stadio iniziale e il 5% con malattia in stadio precoce hanno mostrato progressione.

In generale, la mortalità correlata al trattamento è stata del 7%.

Nei pazienti trattati con intento curativo con VEPEMB, ABVD e CLVPP ( n=157 ), la risposta completa è risultata associata a molti fattori nell’analisi univariata.

In un modello di sola regressione di Cox, l’ottenimento di una risposta completa è rimasto significativo per la sopravvivenza generale, mentre la risposta completa più comorbilità ed età sono rimaste significative per la sopravvivenza libera da progressione.
Lo status RS-EBV ( cellule Reed-Sternberg - virus di Epstein-Barr ) non ha mostrato effetto significativo sull’esito. ( Xagena2012 )

Proctor SJ et al, Blood 2012; 119: 6005-6015

Emo2012 Farma2012

← Torna inietro