OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Azacitidina da sola o in combinazione con Lenalidomide o Vorinostat nelle sindromi mielodisplastiche a rischio elevato e leucemia mielomonocitica cronica


Azacitidina ( Vidaza ) è una terapia standard di prima linea nelle sindromi mielodisplastiche ( MDS ) a rischio elevato.
Non si sa se le combinazioni basate su Azacitidina con Lenalidomide ( Revlimid ) o Vorinostat ( Zolinza ) producano tassi di risposta generale ( ORR ) superiori alla Azacitidina.

Il North American Intergroup Study S1117 è uno studio di fase II/III che ha assegnato in modo casuale i pazienti con sindromi mielodisplastiche ad alto rischio e leucemia mielomonocitica cronica ( CMML ) a ricevere Azacitidina ( 75 mg/m2/die nei giorni da 1 a 7 di un ciclo di 28 giorni ); Azacitidina più Lenalidomide ( 10 mg/die nei giorni da 1 a 21 ); o Azacitidina più Vorinostat ( 300 mg due volte al giorno nei giorni da 3 a 9 ).

L’endpoint primario di fase II era rappresentato da un miglior tasso di risposta generale.

Su 277 pazienti provenienti da 90 Centri, 92 hanno ricevuto Azacitidina, 93 hanno ricevuto Azacitidina più Lenalidomide e 92 hanno ricevuto Azacitidina più Vorinostat.
L'età media era di 70 anni, 85 pazienti ( 31% ) erano donne e 53 pazienti ( 19% ) avevano leucemia mielomonocitica cronica.

Gli eventi avversi gravi sono stati simili tra i bracci di trattamento, anche se i pazienti nei bracci di combinazione hanno avuto più probabilità di sottoporsi a modifiche del dosaggio non-definite dal protocollo ( P minore di 0.001 ).

Con un follow-up mediano di 23 mesi, il tasso di risposta globale è stato del 38% per i pazienti trattati con Azacitidina, 49% per Azacitidina e Lenalidomide ( P=0.14 vs Azacitidina ) e 27% per Azacitidina e Vorinostat ( P=0.16 vs Azacitidina ).

Per i pazienti con CMML, il tasso di risposta globale è stato più elevato per Azacitidina più Lenalidomide rispetto ad Azacitidina ( 68% vs 28%, P=0.02 ), ma simile per tutti i bracci tra i sottogruppi citogenetici, così come la durata della remissione e la sopravvivenza complessiva.

Il tasso di risposta globale è stato più elevato con mutazioni in DNMT3A e inferiore per mutazioni in SRSF2, mentre la durata del tasso di risposta globale è migliorata con meno mutazioni.
La riduzione della dose di Lenalidomide era associata a una sopravvivenza complessiva peggiore ( hazard ratio, HR=1.30; P=0.05 ).

In conclusione, i pazienti con sindromi mielodisplastiche a rischio elevato trattati con combinazioni di Azacitidina hanno avuto un tasso di risposta globale simile a quello di Azacitidina, anche se i pazienti con leucemia mielomonocitica cronica hanno tratto benefici da Azacitidina e Lenalidomide.
L'efficacia dei regimi di combinazione può essere stata influenzata dalle modifiche della dose. ( Xagena2017 )

Hardy KK et al, J Clin Oncol 2017; 35: 2745-2753

Emo2017 Onco2017 Farma2017

← Torna inietro