OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Doppio blocco di HER2 con Lapatinib più Trastuzumab in combinazione con un inibitore dell'aromatasi nelle donne in postmenopausa con cancro mammario metastatico positivo al recettore dell'ormone, HER2-positivo


Il targeting del recettore 2 del fattore di crescita epidermico umano ( HER2 ) più la terapia endocrina ( ET ) ha migliorato il beneficio clinico nel tumore mammario metastatico HER2-positivo, recettore ormonale (HR)-positivo, rispetto alla sola terapia endocrina.
Il doppio blocco di HER2 migliora il beneficio clinico rispetto al singolo blocco di HER2.

Lo studio ALTERNATIVE ha valutato l'efficacia e la sicurezza del doppio blocco HER2 più inibitore dell'aromatasi nelle donne in postmenopausa con tumore al seno metastatico HER2-positivo / HR-positivo che hanno ricevuto precedente terapia endocrina e Trastuzumab neoadiuvante / in prima linea più chemioterapia.

Le pazienti sono state assegnate in modo casuale a ricevere Lapatinib + Trastuzumab + inibitore dell'aromatasi, Trastuzumab + inibitore dell'aromatasi oppure Lapatinib + inibitore dell'aromatasi.
Le pazienti per le quali era stata indicata la chemioterapia sono state escluse.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) con Lapatinib + Trastuzumab + inibitore dell'aromatasi rispetto a Trastuzumab + inibitore dell'aromatasi.
Gli endpoint secondari erano la sopravvivenza libera da progressione ( confronto tra gli altri bracci ), la sopravvivenza globale, il tasso di risposta generale, il tasso di beneficio clinico e la sicurezza.

Sono stati inclusi nella analisi 355 pazienti: Lapatinib + Trastuzumab + inibitori dell'aromatasi ( n=120 ), Trastuzumab + inibitori dell'aromatasi ( n=117 ) e Lapatinib + inibitori dell'aromatasi ( n=118 ).

Le caratteristiche di base erano equilibrate.

Lo studio ha raggiunto il suo obiettivo primario; una sopravvivenza libera da progressione superiore è stata osservata con Lapatinib + Trastuzumab + inibitore dell'aromatasi versus Trastuzumab + inibitore dell'aromatasi ( PFS mediana, 11 vs 5.7 mesi, hazard ratio, HR=0.62; P=0.0064 ).

Un beneficio consistente nella sopravvivenza libera da progressione è stato osservato in sottogruppi predefiniti.
Il tasso di risposta generale, il tasso di beneficio clinico e la sopravvivenza complessiva hanno favorito anche Lapatinib + Trastuzumab + inibitori dell'aromatasi.

La sopravvivenza mediana libera da progressione con Lapatinib + inibitore dell'aromatasi versus Trastuzumab + inibitore dell'aromatasi è stata di 8.3 mesi rispetto a 5.7 mesi ( HR= 0.71; P=0.0361 ).

Gli eventi avversi comuni, maggiori o uguali al 15%, con Lapatinib + Trastuzumab + inibitori dell'aromatasi, Trastuzumab + inibitori dell'aromatasi e Lapatinib + inibitori dell'aromatasi sono stati diarrea ( 69%, 9% e 51% rispettivamente ), rash ( 36%, 2%, e 28%, rispettivamente ), nausea ( 22%, 9% e 22% rispettivamente ) e paronichia ( 30%, 0% e 15%, rispettivamente ), per lo più di grado 1 o 2.
Gli eventi avversi gravi sono stati riportati in modo simile nei tre gruppi, e gli eventi avversi che hanno portato alla sospensione sono stati inferiori con Lapatinib + Trastuzumab + inibitori dell'aromatasi.

In conclusione, il doppio blocco HER2 con Lapatinib + Trastuzumab + inibitori dell'aromatasi ha mostrato un beneficio nella sopravvivenza libera da progressione superiore rispetto a Trastuzumab + inibitori dell'aromatasi nelle pazienti con tumore alla mammella HER2-positivo / HR-positivo, metastatico.
Questa combinazione offre un regime di trattamento alternativo di risparmio chemioterapico efficace e sicuro per questa popolazione di pazienti. ( Xagena2018 )

Johnston SRD et al, J Clin Oncol 2018; 36: 741-740

Onco2018 Gyne2018 Farma2018

← Torna inietro