OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Soppressione ovarica adiuvante nel cancro al seno in premenopausa


La soppressione della produzione ovarica di estrogeni riduce la recidiva del cancro precoce al seno positivo ai recettori ormonali nelle donne in premenopausa, ma il suo valore quando viene aggiunta a Tamoxifene è incerto.

Sono state randomizzate 3.066 donne in premenopausa, stratificate in base alla presenza o assenza di una precedente chemioterapia, a ricevere Tamoxifene per 5 anni, Tamoxifene più soppressione ovarica, o Exemestano ( Aromasin ) più soppressione ovarica.

L'analisi primaria ha testato l'ipotesi secondo cui Tamoxifene più oppressione ovarica migliori la sopravvivenza libera da malattia, rispetto al solo Tamoxifene.

Nell'analisi primaria, il 46.7% delle pazienti non aveva ricevuto chemioterapia in precedenza, e il 53.3% aveva ricevuto chemioterapia ed era rimasto in premenopausa.

Dopo un follow-up mediano di 67 mesi, il tasso di sopravvivenza libera da malattia stimato a 5 anni è stato pari all’86.6% nel gruppo Tamoxifene più soppressione ovarica e 84.7% nel gruppo Tamoxifene ( hazard ratio per recidiva, secondo cancro invasivo, o morte, HR=0.83; P=0.10 ).

L’analisi multivariata per i fattori prognostici ha indicato un maggiore effetto del trattamento con Tamoxifene più soppressione ovarica rispetto al solo Tamoxifene ( HR=0.78 ).

La maggior parte delle recidive si è verificata nei pazienti che avevano ricevuto una precedente chemioterapia, tra le quali il tasso di libertà dal cancro al seno a 5 anni che è stato dell’82.5% nel gruppo Tamoxifene più soppressione ovarica e del 78.0% nel gruppo Tamoxifene ( hazard ratio per recidiva, HR=0.78 ).

A 5 anni, il tasso di libertà dal cancro al seno era 85.7% nel gruppo Exemestane più soppressione ovarica ( hazard ratio per la recidiva vs Tamoxifene, HR=0.65 ).

In conclusione, l’aggiunta della soppressione ovarica al Tamoxifene non ha fornito un significativo beneficio nella popolazione generale dello studio.
Tuttavia, per le donne che erano a rischio sufficiente di recidiva da giustificare la chemioterapia adiuvante e che sono rimaste in premenopausa, l'aggiunta della soppressione ovarica ha migliorato gli esiti della malattia.
Ulteriori miglioramenti sono stati osservati con l'uso di Exemestano più soppressione ovarica. ( Xagena2015 )

Francis PA et al, N Engl J Med 2015;372:436-446

Onco2015 Gyne2015 Farma2015

← Torna inietro