OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Pembrolizumab nel tumore colorettale avanzato con alta instabilità dei microsatelliti


Il blocco della morte cellulare programmata 1 ( PD-1 ) ha un beneficio clinico nei tumori con alta instabilità dei microsatelliti ( MSI-H ) o con deficit di riparazione del mismatch ( dMMR ) dopo una precedente terapia.
L'efficacia del blocco PD-1 rispetto alla chemioterapia come terapia di prima linea per il tumore colorettale avanzato o metastatico MSI-H-dMMR è sconosciuta.

In uno studio di fase 3, in aperto, 307 pazienti con tumore del colon-retto MSI-H-dMMR metastatico che non avevano precedentemente ricevuto un trattamento sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Pembrolizumab ( Keytruda ) alla dose di 200 mg ogni 3 settimane oppure chemioterapia ( terapia a base di 5-Fluorouracile con o senza Bevacizumab o Cetuximab ) ogni 2 settimane.
I pazienti sottoposti a chemioterapia potevano passare alla terapia con Pembrolizumab dopo la progressione della malattia.

I due endpoint primari erano la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza globale.

Alla seconda analisi ad interim, dopo un follow-up mediano dalla randomizzazione al cutoff dei dati di 32.4 mesi, Pembrolizumab è risultato superiore alla chemioterapia nella sopravvivenza libera da progressione [ PFS ] ( mediana, 16.5 vs 8.2 mesi; hazard ratio, HR=0.60; P=0.0002 ).

La sopravvivenza media limitata stimata dopo 24 mesi di follow-up è stata di 13.7 mesi rispetto a 10.8 mesi.
Alla data di cutoff dei dati, 56 pazienti nel gruppo Pembrolizumab e 69 nel gruppo di chemioterapia erano deceduti.
I dati sulla sopravvivenza globale erano ancora in evoluzione ( si è verificato il 66% degli eventi richiesti ) e lo sono rimasti fino all'analisi finale.

Una risposta globale ( risposta completa o parziale ), valutata con i criteri di valutazione della risposta nei tumori solidi RECIST, versione 1.1, è stata osservata nel 43.8% dei pazienti nel gruppo Pembrolizumab e nel 33.1% nel gruppo di chemioterapia.
Tra i pazienti con una risposta globale, l'83% nel gruppo Pembrolizumab rispetto al 35% dei pazienti nel gruppo di chemioterapia aveva risposte in corso a 24 mesi.

Eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o superiore si sono verificati nel 22% dei pazienti nel gruppo Pembrolizumab, rispetto al 66%, incluso un paziente deceduto, nel gruppo chemioterapia.

Pembrolizumab è risultato associato a una sopravvivenza libera da progressione significativamente più lunga rispetto alla chemioterapia quando è stato somministrato come terapia di prima linea per il tumore colorettale metastatico MSI-H-dMMR, con un minore numero di eventi avversi correlati al trattamento. ( Xagena2020 )

André T et al, N Engl J Med 2020; 383: 2207-2218

Gastro2020 Onco2020 Farma2020

← Torna inietro