OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Monoterapia con Daratumumab nei pazienti con mieloma multiplo recidivato o refrattario pesantemente pretrattato: risultati finali degli studi di fase 2 GEN501 e SIRIUS


Daratumumab ( Darzalex ) ha mostrato efficacia incoraggiante come monoterapia in pazienti con mieloma multiplo pesantemente pretrattato negli studi GEN501 e SIRIUS.
E' stata riportata un'analisi finale post-hoc aggregata di questi due studi.

GEN501 era uno studio in aperto, multicentrico, di fase 1–2, di escalation della dose e di espansione condotto nei Paesi Bassi, negli Stati Uniti, in Svezia e Danimarca.
I pazienti eleggibili soffrivano di mieloma multiplo e presentavano recidiva o erano refrattari a 2 o più precedenti linee di trattamento che includevano un inibitore del proteasoma o un farmaco immunomodulatore.

SIRIUS era uno studio di fase 2 in aperto, multicentrico, condotto in Canada, Spagna e Stati Uniti, in cui i pazienti eleggibili con mieloma multiplo avevano ricevuto 3 o più precedenti linee di terapia, incluso un inibitore del proteasoma o un farmaco immunomodulatore, o erano doppi refrattari.

In entrambi gli studi, i pazienti idonei avevano un'età pari o superiore a 18 anni e avevano un ECOG performance status di 2 o inferiore.
Nella parte 2 di GEN501, ai pazienti è stato somministrato Daratumumab per via endovenosa 16 mg/kg una volta a settimana per 8 settimane, due volte al mese per 8 dosi, quindi una volta al mese fino a progressione della malattia.

Nella parte 2 di SIRIUS, i pazienti hanno ricevuto Daratumumab per via endovenosa 16 mg/kg una volta alla settimana per 8 settimane, due volte al mese per 16 settimane e una volta al mese fino a progressione della malattia.

Gli endpoint primari ( sicurezza in GEN501 e tasso di risposta globale in SIRIUS ) sono stati precedentemente segnalati.

I pazienti sono stati arruolati in GEN501 dal 2008 al 2014, e in SIRIUS dal 2013 al 2014. L'analisi combinata ha incluso 148 pazienti che hanno ricevuto Daratumumab 16 mg/kg ( 42 pazienti in GEN501 parte 2; 106 pazienti in SIRIUS ), con un follow-up mediano di 36.6 mesi.
I pazienti avevano ricevuto una mediana di 5 precedenti linee di terapia e 128 su 148 pazienti ( 87% ) erano doppi refrattari.

Il tasso di risposta complessivo è stato del 30.4%, con 20 su 148 pazienti ( 14% ) con risposta parziale molto buona o migliore e 7 pazienti ( 5% ) che hanno riportato una risposta completa o migliore.

In 45 responder, la durata mediana della risposta è stata di 8.0 mesi.

La sopravvivenza globale mediana è stata di 20.5 mesi, con un tasso di sopravvivenza globale a 3 anni del 36.5%.

Gli eventi avversi di grado 3-4 emergenti dal trattamento più comuni sono stati anemia ( grado 3, 26 su 148 pazienti, 18%; nessun evento di grado 4 ) e trombocitopenia ( grado 3, 13 su 148 pazienti, 9%; grado 4, 8 su 148 pazienti, 5% ).

Eventi avversi gravi emergenti dal trattamento correlati al farmaco si sono verificati in 13 pazienti su 148 ( 9% ).

Non ci sono stati decessi correlati al trattamento.

In questa analisi, Daratumumab 16 mg/kg in monoterapia ha mostrato risposte durature e non ci sono stati nuovi problemi di sicurezza con un follow-up più lungo. ( Xagena2020 )

Usmani SZ et al, Lancet Haematology 2020; 7: 447-455

Emo2020 Onco2020 Farma2020

← Torna inietro