OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Luspatercept nei pazienti con sindromi mielodisplastiche a basso rischio


I pazienti con anemia e sindromi mielodisplastiche a basso rischio in cui la terapia con agenti stimolanti l'eritropoiesi non è efficace diventano generalmente dipendenti dalle trasfusioni di globuli rossi.
Luspatercept ( Reblozyl ), una proteina di fusione ricombinante che si lega ai ligandi della superfamiglia dei fattori di crescita trasformanti beta ( TGF-beta ) per ridurre la segnalazione di SMAD2 e SMAD3, ha mostrato risultati promettenti in uno studio di fase 2.

In uno studio di fase 3 in doppio cieco, controllato con placebo, sono stati assegnati casualmente pazienti con sindromi mielodisplastiche a rischio molto basso, a rischio basso o a rischio intermedio ( definito secondo IPSS-R [ Revised International Prognostic Scoring System ] ) con sideroblasti ad anello che avevano ricevuto trasfusioni di globuli rossi regolarmente a ricevere Luspatercept a una dose da 1.0 a 1.75 mg per kg di peso corporeo o placebo somministrato per via sottocutanea ogni 3 settimane.

L'endpoint primario era l'indipendenza trasfusionale per 8 settimane o più durante le settimane da 1 a 24, e l'endpoint secondario chiave era l'indipendenza trasfusionale per 12 settimane o più, valutata durante le settimane da 1 a 24 e dalle settimane da 1 a 48.

Dei 229 pazienti arruolati, 153 sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Luspatercept e 76 a ricevere placebo; le caratteristiche basali dei pazienti erano bilanciate.

L'indipendenza trasfusionale per 8 settimane o più è stata osservata nel 38% dei pazienti nel gruppo Luspatercept rispetto al 13% di quelli nel gruppo placebo ( P minore di 0.001 ).

Una percentuale più alta di pazienti nel gruppo Luspatercept rispetto al gruppo placebo ha raggiunto l'endpoint secondario principale ( 28% vs 8% per le settimane da 1 a 24 e 33% vs 12% per le settimane da 1 a 48; P minore di 0.001 per entrambi i confronti ).

Gli eventi avversi di qualsiasi grado più comuni associati a Luspatercept hanno incluso affaticamento, diarrea, astenia, nausea e vertigini.
L'incidenza di eventi avversi è diminuita nel tempo.

Luspatercept ha ridotto la gravità dell'anemia nei pazienti con sindromi mielodisplastiche a basso rischio con sideroblasti ad anello che avevano ricevuto trasfusioni di globuli rossi regolarmente e che avevano una malattia refrattaria, o che probabilmente non rispondeva agli agenti stimolanti l'eritropoiesi, o che avevano sospeso tali agenti a causa di un evento avverso. ( Xagena2020 )

Fenaux P et al, N Engl J Med 2020; 382: 140-151

Emo2020 Onco2020 Farma2020

← Torna inietro