OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




La FDA ha approvato Breyanzi ( Lisocabtagene maraleucel ), una nuova terapia a base di cellule CAR-T per gli adulti con linfoma a grandi cellule B recidivante o refrattario


La Food and Drug Administration ( FDA ) degli Stati Uniti ha approvato Breyanzi ( Lisocabtagene maraleucel; Liso-cel ), una terapia a cellule CAR-T diretta a CD19 per il trattamento di pazienti adulti con linfoma a grandi cellule B ( LBCL ) recidivante o refrattario ( R/R ) dopo due o più linee di terapia sistemica, incluso linfoma diffuso a grandi cellule B ( DLBCL ) non diversamente specificato ( tra cui DLBCL che origina da linfoma indolente ), linfoma a cellule B di alto grado, linfoma primitivo del mediastino a grandi cellule B e linfoma follicolare di grado 3B.
Breyanzi non è indicato per il trattamento di pazienti con linfoma primitivo del sistema nervoso centrale.

Breyanzi è una terapia cellulare CAR T diretta a CD19 con una composizione definita e un dominio costimolatorio 4-1BB. Breyanzi viene somministrato come composizione definita per ridurre la variabilità della dose dei componenti CD8 e CD4. La via di segnalazione di 4-1BB esalta l'espansione e la persistenza di Breyanzi.
Breyanzi offre un trattamento potenzialmente definitivo. Una singola dose di Breyanzi contiene da 50 a 110 x 10(6) cellule T vitali CAR-positive ( costituite da cellule T vitali CAR-positive dei componenti CD8 e CD4 in un rapporto 1:1 ).

L'approvazione di Breyanzi da parte della FDA si basa sui dati dello studio TRANSCEND NHL 001 in cui 268 pazienti con linfoma LBCL R/R hanno ricevuto Breyanzi.
Questo è il più grande studio cardine di terza linea del linfoma a grandi cellule B recidivato o refrattario che ha coinvolto pazienti con un'ampia gamma di istologie e malattia ad alto rischio.
Nello studio, Breyanzi è stato somministrato in regime ospedaliero e ambulatoriale.

Nello studio, 192 pazienti sono stati trattati con Breyanzi alla dose di 50-110 x 10(6) linfociti T vitali positivi per CAR e valutati per l'efficacia. Di questi pazienti, il 73% ha ottenuto una risposta ( IC 95%: 67-80% ), incluso il 54% che aveva un minimo o non-rilevabile residuo di linfoma dopo il trattamento ( CR; IC 95%: 47-61% ) e il 19% che ha raggiunto una risposta parziale ( PR; IC 95%: 14-26% ).
La durata mediana della risposta è stata di 16.7 mesi in tutti i responder ( IC 95%: 5.3 - NR ), e per i pazienti che hanno raggiunto una risposta completa, la durata mediana della risposta non è stata raggiunta ( IC 95%: 16.7 - NR ); per i pazienti con una migliore risposta di risposta parziale, la durata mediana della risposta è stata di 1.4 mesi ( IC 95%: 1.1 - 2.2 ). Dei 104 pazienti trattati con Breyanzi che hanno ottenuto una migliore risposta globale di risposta completa, il 65% ha avuto una remissione della durata di almeno 6 mesi e il 62% ha presentato una remissione della durata di almeno 9 mesi.

Nello studio, 268 pazienti trattati con Breyanzi sono stati valutati per la sicurezza. La sindrome da rilascio di citochine di qualsiasi grado ( CRS ) si è verificata nel 46% ( 122/268 ) dei pazienti secondo il sistema di classificazione Lee. La sindrome CRS di grado 3 o superiore si è verificata nel 4% ( 11/268 ) dei pazienti. Un paziente ha avuto una sindrome CRS ad esito fatale e due avevano una sindrome CRS in corso al momento della morte. Le manifestazioni più comuni di sindrome CRS hanno incluso: febbre ( 93% ), ipotensione ( 49% ), tachicardia ( 39% ), brividi ( 28% ) e ipossia ( 21% ). La durata mediana della sindrome CRS è stata di 5 giorni ( range: 1-30 giorni ) e il tempo mediano all'insorgenza è stato di 5 giorni ( range: 1-15 giorni ).

Tossicità neurologiche di qualsiasi grado si sono verificate nel 35% ( 95/268 ) dei pazienti trattati con Breyanzi. Tossicità neurologiche di grado 3 o superiore si sono manifestate nel 12% ( 31/268 ) dei pazienti. Tre pazienti hanno presentato tossicità neurologica ad esito fatale e sette avevano tossicità neurologica in corso al momento della morte. Le tossicità neurologiche più comuni hanno riguardato: encefalopatia ( 24% ), tremore ( 14% ), afasia ( 9% ), delirio ( 7% ), cefalea ( 7% ), atassia ( 6% ) e vertigini ( 6% ). Le tossicità neurologiche si sono risolte in 81 pazienti su 95 ( 85% ), con una durata mediana di 12 giorni ( range: 1-87 giorni ). Il tempo mediano all'insorgenza del primo evento è stato di 8 giorni ( range: 1-46 giorni ). La durata mediana della tossicità neurologica è stata di 15 giorni ( range: da 1 a 785 giorni ) in tutti i pazienti, compresi quelli con eventi neurologici in corso al momento del decesso o al cutoff dei dati.

Reazioni avverse gravi si sono verificate nel 46% dei pazienti. Le reazioni avverse gravi e non-di-laboratorio più comuni ( più del 2% ) sono state sindrome da rilascio di citochine, encefalopatia, sepsi, neutropenia febbrile, afasia, polmonite, febbre, ipotensione, capogiri e delirio.
Reazioni avverse fatali si sono verificate nel 4% dei pazienti.
Le reazioni avverse non-di-laboratorio più comuni di qualsiasi grado ( 20% o più ) sono state: affaticamento, sindrome da rilascio di citochine, dolore muscoloscheletrico, nausea, cefalea, encefalopatia, infezioni ( patogeno non-specificato ), diminuzione dell'appetito, diarrea, ipotensione, tachicardia, vertigini, tosse, dolore addominale, vomito ed edema.

Il linfoma diffuso a grandi cellule B è una malattia aggressiva in rapida crescita ed è la forma più comune di linfoma non-Hodgkin ( NHL ), che rappresenta uno su tre casi diagnosticati.
Il 73% dei pazienti non risponderà o avrà una ricaduta dopo il trattamento di seconda linea o successivamente.
Per i pazienti che ricadono o non rispondono alle terapie iniziali, le opzioni di trattamento convenzionali che forniscono risposte sostenute sono limitate e l'aspettativa di vita mediana è di circa 6 mesi.
L'obiettivo del trattamento nel linfoma diffuso a grandi cellule B è l'intento curativo con la terapia definitiva. Sono necessarie opzioni aggiuntive nel linfoma DLBCL recidivato / refrattario per fornire risposte sostenute a questi pazienti. ( Xagena2021 )

Fonte: BMS, 2021

Emo2021 Onco2021 Med2021 Farma2021

← Torna inietro