OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Ramucirumab più Erlotinib nei pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule avanzato EGFR mutato: studio RELAY


Il doppio blocco delle vie EGFR e VEGF nel carcinoma polmonare metastatico non-a-piccole cellule ( NSCLC ) EGFR-mutato è supportato da dati preclinici e clinici, ma l'approccio non è ampiamente implementato.
Lo studio RELAY ha valutato Erlotinib ( Tarceva ), uno standard di cura con inibitore della tirosina chinasi ( TKI ) di EGFR, oltre a Ramucirumab ( Cyramza ), un antagonista di IgG1 VEGFR2 umano oppure placebo nei pazienti con tumore NSCLC metastatico EGFR-mutato non-trattato.

È stato condotto uno studio mondiale di fase 3, in doppio cieco, in 100 ospedali, cliniche e centri medici in 13 Paesi.
I pazienti eleggibili avevano 18 anni o più ( 20 anni in Giappone e Taiwan ) al momento dell'ingresso nello studio, avevano tumore NSCLC in stadio IV, con delezione dell'esone 19 EGFR ( ex19del ) o sostituzione dell'esone 21 ( Leu858Arg ), un ECOG performance status di 0 o 1 e nessuna metastasi del sistema nervoso centrale ( SNC ).

Sono stati assegnati casualmente i pazienti idonei a ricevere Erlotinib orale ( 150 mg/die ) più Ramucirumab per via endovenosa ( 10 mg/kg ) oppure placebo corrispondente ogni 2 settimane.
La randomizzazione è stata effettuata stratificando per sesso, area geografica, tipo di mutazione EGFR, e metodo di test EGFR.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione valutata nella popolazione intention-to-treat.
La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di trattamento in studio.

Tra il 2016 e il 2018, 449 pazienti idonei sono stati arruolati e assegnati in modo casuale al trattamento con Ramucirumab più Erlotinib ( n=224 ) oppure placebo più Erlotinib ( n=225 ).
La durata mediana del follow-up è stata di 20.7 mesi.

Al momento dell'analisi primaria, la sopravvivenza libera da progressione è risultata significativamente più lunga nel gruppo Ramucirumab più Erlotinib ( 19.4 mesi ) rispetto al gruppo placebo più Erlotinib ( 12.4 mesi ), con un hazard ratio stratificato di 0.59 ( P minore di 0.0001 ).

Eventi avversi emergenti dal trattamento di grado 3-4 sono stati riportati in 159 pazienti su 221 ( 72% ) nel gruppo Ramucirumab più Erlotinib rispetto a 121 su 225 ( 54% ) nel gruppo placebo più Erlotinib.
Gli eventi avversi più comuni emergenti dal trattamento di grado 3-4 nel gruppo Ramucirumab più Erlotinib sono stati ipertensione ( 52, 24%; solo grado 3 ) e dermatite acneiforme ( 33, 15% ) e nel gruppo placebo più Erlotinib sono stati dermatite acneiforme ( 20, 9% ) e aumento dell'alanina aminotransferasi ( 17, 8% ).

Sono stati segnalati eventi avversi gravi emergenti dal trattamento in 65 pazienti su 221 ( 29% ) nel gruppo Ramucirumab più Erlotinib e 47 su 225 ( 21% ) nel gruppo placebo più Erlotinib.
Gli eventi avversi gravi più comuni di qualsiasi grado nel gruppo Ramucirumab più Erlotinib sono stati polmonite ( 7, 3% ) e cellulite e pneumotorace ( 4, 2%, ciascuno ); i più comuni nel gruppo placebo più Erlotinib sono stati piressia ( 4, 2% ) e pneumotorace ( 3, 1% ).

Ramucirumab più Erlotinib ha dimostrato una sopravvivenza libera da progressione superiore rispetto a placebo più Erlotinib neipazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule metastatico non-trattato con EGFR.
La sicurezza era coerente con i profili di sicurezza dei singoli componenti nel tumore polmonare avanzato.
Il regime RELAY è una nuova opzione di trattamento praticabile per il trattamento iniziale del tumore NSCLC metastatico EGFR-mutato. ( Xagena2019 )

Nakagawa K et al, Lancet Oncology 2019; 20: 1655-1669

Onco2019 Pneumo2019 Farma2019

← Torna inietro