OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Studio CHRYSALIS: attività clinica e risposte durevoli con Amivantamab nel tumore polmonare non-a-piccole cellule metastatico o non-resecabile e mutazioni dell'inserzione dell'esone 20 di EGFR


Nuovi dati dallo studio di fase 1 CHRYSALIS, che ha valutato Amivantamab nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) metastatico o non-resecabile e mutazioni di inserzione dell'esone 20 del recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR ) la cui malattia è progredita durante o dopo chemioterapia a base di Platino, sono stati presentati al Virtual Meeting 2020 IASLC- WCLC ( International Association for the Study of Lung Cancer - World Conference on Lung Cancer ) Singapore.
I risultati chiave hanno mostrato un'attività robusta e risposte durevoli con un profilo di sicurezza tollerabile e gestibile nei pazienti con tumore NSCLC e mutazioni di inserzione dell'esone 20 di EGFR, una mutazione per la quale non sono attualmente approvate terapie mirate.

Amivantamab è un anticorpo bispecifico EGFR e MET, completamente umano, con attività di direzione delle cellule immunitarie a colpire i tumori con mutazioni e amplificazioni EGFR e MET attivanti e resistenti.

Nello studio CHRYSALIS, è stata valutata l'efficacia e la sicurezza di Amivantamab nei pazienti con carcinoma del polmone non-a-piccole cellule e mutazioni di inserzione dell'esone 20 di EGFR e, che erano progrediti con una precedente chemioterapia a base di Platino, e sono stati trattati alla dose raccomandata di fase 2 ( RP2D: 1050 mg di Amivantamab [ 1400 mg per un paziente di peso pari o superiore a 80 kg ] ).
L'endpoint primario era rappresentato dala risposta alla malattia utilizzando il tasso di risposta globale ( ORR ), secondo i criteri RECIST v1.1.
Altri endpoint includevano la durata della risposta ( DOR ), il tasso di beneficio clinico, la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ).

Nella coorte di efficacia post-Platino ( n = 81 ), il tasso ORR valutato da una revisione centrale indipendente in cieco è stato del 40% ( n = 32; intervallo di confidenza [ IC ] 95%, 29-51 ), con 3 pazienti ( 4% ) che hanno raggiunto risposte complete [ CR ] e 29 pazienti ( 36% ) hanno ottenuto risposte parziali [ PR ].

Le risposte erano durevoli con una durata mediana della risposta di 11.1 mesi ( IC 95%, 6.9 - non-raggiunto ) con 20 pazienti ( 63% ) e risposte di almeno 6 mesi o di durata maggiore.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 8.3 mesi ( IC 95%, 6.5 - 10.9 ) e la sopravvivenza globale mediana è stata di 22.8 mesi ( IC 95%, 14.6 - non-raggiunta ).
Il tasso di beneficio clinico ( maggiore o uguale a risposta parziale o malattia stabile per 11 settimane o più ) è stato del 74% ( IC 95%, 63-83 ).

Tra i pazienti trattati con Amivantamab in monoterapia ( n = 114 ) al dosaggio RP2D, gli eventi avversi emergenti dal trattamento più comuni sono stati: rash ( 86% ), reazioni correlate all'infusione ( IRR; 66% ) e paronichia ( 45% ).
Ulteriori effetti avversi sono stati: stomatite ( 21% ) e prurito ( 17% ).
Effetti avversi di Grado uguale a 3 o maggiore sono stati riportati nel 35% dei pazienti, di cui il 16% è stato considerato correlato al trattamento con rash ( 4% ) e reazioni all'infusione ( 3% ) le più frequenti.
Non sono stati segnalati decessi correlati al trattamento.
L'incidenza degli effetti avversi correlati al trattamento che hanno portato alla riduzione della dose e alla sospensione è stata rispettivamente del 13% e del 4%.

Le mutazioni di EGFR, che portano alla crescita e alla divisione incontrollata delle cellule tumorali, sono alcune delle mutazioni più comuni nel carcinoma al polmone non-a-piccole cellule.
Le mutazioni di inserzione dell'esone 20 di EGFR sono la terza più diffusa mutazione primaria di EGFR e rappresentano almeno il 9% di tutte le mutazioni di EGFR.
Queste mutazioni, tuttavia, spesso non vengono rilevate a causa dell'uso limitato dei test Next Generation Sequencing ( NGS ). Si ritiene che il test genetico PCR ( reazione a catena della polimerasi ) non sia in grado di identificare il 50% o più dei tumori con mutazioni dell'esone 20 di EGFR.

Il cancro causato dalle mutazioni dell'inserzione dell'esone 20 di EGFR è generalmente insensibile ai trattamenti approvati con gli inibitori della tirosin chinasi ( TKI ) di EGFR ed è associato a prognosi sfavorevole.
Dopo un follow-up mediano di 34 mesi, i pazienti con mutazioni di inserzione dell'esone 20 di EGFR hanno manifestato un aumento del rischio di morte del 75%.
Il tasso di sopravvivenza a 5 anni associato alle mutazioni di inserzione dell'esone 20 è dell'8% contro il 19% per le altre mutazioni di EGFR. ( Xagena2021 )

Fonte: 2020 IASLC- WCLC ( International Association for the Study of Lung Cancer - World Conference on Lung Cancer ) - Virtual Meeting, 2021

Pneumo2021 Onco2021 Farma2021

← Torna inietro