OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Sotorasib ha dimostrato un beneficio nei pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule avanzato con mutazione KRAS G12C


I risultati dello studio di fase 2 CodeBreaK 100 hanno mostrato che Sotorasib ( noto in precedenza come AMG 510 ) produce un beneficio significativo nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) avanzato con mutazione KRAS G12C.

Sotorasib ha indotto una sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediana di 6.8 mesi; inoltre, ha prodotto un tasso di risposta obiettiva ( ORR ) del 37.1% e un tasso di controllo della malattia ( DCR ) dell'80.6% in questa popolazione di pazienti a un follow-up mediano di 12.2 mesi.
La durata mediana della risposta ( DoR ) è stata di 10 mesi.

Nel dicembre 2020, l'Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ) ha concesso a Sotorasib la designazione di terapia fortemente innovativa per l'uso come potenziale trattamento nei pazienti con tumore NSCLC con mutazione KRAS G12C, localmente avanzato o metastatico, come determinato da un test approvato dalla FDA, dopo almeno 1 precedente trattamento sistemico.

In uno studio di fase 1 che aveva coinvolto 35 pazienti precedentemente trattati con tumore NSCLC avanzato e mutazione KRAS G12C, Sotorasib aveva indotto un tasso di risposta del 50%; tra i 10 pazienti valutabili, 5 pazienti avevano presentato una risposta parziale ( PR ), con 4 risposte parziali confermate.

Nello studio di fase 2 CodeBreaK 100, i pazienti sono stati trattati con Sotorasib per os alla dose di 960 mg una volta al giorno.

L'81% dei pazienti era andato incontro a progressione durante una precedente chemioterapia a base di Platino e inibitori di PD-1 / PD-L1; i pazienti rimanenti avevano presentato progressione della malattia dopo aver ricevuto una di queste terapie.
La data del cutoff dei dati era il 1° dicembre 2020.

Oltre l'80% dei pazienti ha raggiunto il controllo della malattia, che ha incluso 3 risposte complete ( CR ) e 43 risposte parziali ( PR ).
La migliore riduzione mediana della massa tumorale tra tutti i responder ( n = 46 ) è stata del 60%, e il tempo mediano alla risposta obiettiva è stato di 1.4 mesi.

I risultati delle analisi esplorative hanno mostrato che l'attività clinica di Sotorasib è stata osservata in una serie di sottogruppi di biomarcatori, incluso quelli con PD-L1 negativo o basso, e anche quelli con mutazioni STK11.
Le mutazioni STK11 sono generalmente collegate a esiti peggiori nei pazienti con tumore NSCLC che hanno precedentemente ricevuto un trattamento con inibitori del checkpoint immunitario e chemioterapia.

Sotorasib ha mostrato un profilo rischio-beneficio favorevole. La maggior parte degli eventi avversi correlati al trattamento ( TRAE ) erano di grado 1 o 2, e non si sono verificati decessi correlati al trattamento.
Gli eventi TRAE di grado 3 si sono presentati in 25 ( 19.8% ) pazienti; 1 paziente ( 0.8% ) ha riportato un evento TRAE di grado 4.
Gli eventi TRAE di qualsiasi grado riportati più frequentemente sono stati diarrea ( 31.0% ), nausea ( 19.0% ), aumento dell'alanina aminotransferasi [ ALT ] ( 15.1% ) e aumento dell'aspartato aminotransferasi [ AST ] ( 15.1% ).

Il 7.1% dei pazienti ha interrotto il trattamento a causa di eventi TRAE. ( Xagena )

Fonte: 2020 IASLC- WCLC ( International Association for the Study of Lung Cancer - World Conference on Lung Cancer ) - Virtual Meeting, 2021 [ Li BT, et al. Abstract PS01.07.]

Pneumo2021 Onco2021 Farma2021

← Torna inietro