OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Chemioterapia con o senza Bevacizumab nei pazienti con tumore della testa e del collo ricorrente o metastatico


È stata valutata l'aggiunta di Bevacizumab ( Avastin ), un anticorpo monoclonale umanizzato diretto al fattore di crescita dell'endotelio vascolare ( VEGF ), alla chemioterapia a base di Platino nel carcinoma a cellule squamose della testa e del collo ( SCCHN ) ricorrente o metastatico.

I pazienti naive alla chemioterapia ( o con precedente Platino come parte della terapia multimodale completata 4 o più mesi prima ) con tumore SCCHN ricorrente o metastatico sono stati assegnati in modo casuale a ricevere una chemioterapia a base di doppietto di Platino con o senza Bevacizumab 15 mg/kg somministrata per via endovenosa ogni 3 settimane fino a progressione della malattia.
La chemioterapia poteva essere interrotta dopo 6 cicli se veniva raggiunta una risposta massima.

Lo studio ha assegnato in modo casuale 403 pazienti. La sopravvivenza globale ( OS ) mediana è stata di 12.6 mesi con Bevacizumab più chemioterapia e 11.0 mesi con la sola chemioterapia ( hazard ratio, HR=0.87; P=0.22 ).

A 2, 3 e 4 anni, le percentuali di sopravvivenza globale sono state del 25.2% versus 18.1%, 16.4% vs 10.0% e 11.8% vs 6.4% rispettivamente per chemioterapia più Bevacizumab versus chemioterapia.

In una analisi di 365 pazienti idonei che hanno iniziato il trattamento, l’hazard ratio era di 0.82 ( P=0.10 ), con una sopravvivenza globale mediana di 14.2 mesi con chemioterapia più Bevacizumab vs 11.1 mesi con la sola chemioterapia.
La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediana con chemioterapia più Bevacizumab era di 6.0 mesi vs 4.3 mesi con la sola chemioterapia ( P=0.0014 ).

I tassi di risposta complessivi sono stati del 35.5% con chemioterapia più Bevacizumab e del 24.5% con la sola chemioterapia ( P=0.016 ).

Vi è stata una maggiore tossicità, incluso un tasso più elevato di episodi emorragici di grado da 3 a 5 correlati al trattamento ( 6.7% vs 0.5%; P minore di 0.001 ) e decessi correlati al trattamento ( 9.3% vs 3.5%; P=0.022 ) con chemioterapia più Bevacizumab rispetto alla sola chemioterapia.

L'aggiunta di Bevacizumab alla chemioterapia non ha migliorato la sopravvivenza globale ma ha migliorato il tasso di risposta e la sopravvivenza libera da progressione con aumento delle tossicità.
Questi risultati incoraggiano studi guidati dai biomarcatori degli inibitori dell'angiogenesi con migliori profili di tossicità in pazienti selezionati con carcinoma a cellule squamose del testa-collo. ( Xagena2019 )

Argiris A et al, J Clin Oncol 2019; 37: 3266-3274

Onco2019 Neuro2019 Farma2019

← Torna inietro