OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Studio DREAMM-2, promettente Belantamab mafodotin nel mieloma multiplo recidivato


Belantamab mafodotin, un coniugato anticorpo-farmaco ( ADC ), ha dimostrato un tasso di risposta globale ( ORR ) clinicamente significativo tra i pazienti con mieloma multiplo recidivato nei primi risultati dello studio DREAMM-2, e ha soddisfatto l'endpoint primario.

Belantamab mafodotin è un immuno-coniugato comprendente un anticorpo monoclonale verso BCMA ( antigene di maturazione delle cellule B ), umanizzato, che è coniugato all'auristatina F attraverso un linker non-scindibile.

DREAMM-2 è uno studio randomizzato a 2 bracci in aperto che sta studiando l'efficacia e la sicurezza di Belantamab mafodotin a 2 diverse dosi nei pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario che hanno ricevuto 3 o più precedenti linee di terapia, sono refrattari a un inibitore del proteasoma e a un farmaco immunomodulatore e hanno fallito il trattamento con un anticorpo anti-CD38.

I pazienti erano idonei ad essere arruolati nello studio se avevano uno stato di prestazione ECOG da 0 a 2, un adeguato stato di funzionalità degli organi e la riduzione di tutte le precedenti tossicità correlate ai trattamenti.
È stato consentito un precedente trapianto di cellule staminali autologhe se il trapianto si era verificato a più di 100 giorni dall'arruolamento e se il paziente non aveva presentato infezioni attive.
I pazienti che avevano ricevuto un trapianto allogenico di cellule staminali non erano ammessi, né lo erano quelli che avevano amiloidosi sintomatica, malattia epiteliale corneale, mucosa attiva o sanguinamento interno, recenti importanti interventi chirurgici, condizioni renali attive, malattia epatica o malattia biliare non-controllata, altre neoplasie, rischio cardiovascolare, infezione attiva, infezione da HIV, epatite C o presenza dell'antigene dell'epatite B.

I partecipanti sono stati assegnati in modo random a ricevere 2.5 mg/kg o 3.4 mg/kg di Belantamab mafodotin liquido per via endovenosa.
È stata anche arruolata una coorte indipendente di circa 25 pazienti per ricevere una formulazione liofilizzata in polvere.
Il trattamento con il liquido congelato è stato somministrato in una soluzione da 30 mg/flaconcino che è stata diluita con soluzione salina allo 0.9% e somministrata per oltre 30 minuti attraverso una pompa per infusione.
Il trattamento con Belantamab mafodotin è stato effettuato una volta ogni 3 settimane fino alla progressione della malattia o alla tossicità inaccettabile.

Gli endpoint secondari per lo studio DREAMM-2 includono il tasso di beneficio clinico, la durata della risposta ( DoR ), il tempo di risposta, la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la sopravvivenza globale ( OS ), il tempo di progressione, la farmacocinetica e la sicurezza.

Il precedente studio clinico DREAMM-1 aveva esplorato la sicurezza, la farmacocinetica, la farmacodinamica, l'immunogenicità e l'attività clinica di Belantamab mafodotin nei pazienti con mieloma multiplo recidivato / refrattario e nei linfomi positivi a BCMA.
Nel gruppo mieloma multiplo, i pazienti avevano ricevuto in precedenza agenti alchilanti, inibitori del proteasoma, farmaci immunomodulatori ed erano stati sottoposti a un trapianto di cellule staminali.

La parte 1 dello studio aveva definito la dose raccomandata di 3.4 mg/kg, che è stata somministrata ogni 3 settimane.
I risultati della parte 2 avevano dimostrato che in 35 pazienti valutabili, il tasso ORR era del 60% ( IC 95%, 42.1% -76.1% ), che includeva 2 risposte complete stringenti e 3 risposte complete.
La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 12 mesi e la durata mediana della risposta è stata di 14.3 mesi.

Il farmaco è risultato ben tollerato con gli eventi avversi segnalati più frequentemente come trombocitopenia ed eventi corneali. ( Xagena2019 )

Fonte: GSK, 2019

Emo2019 Onco2019 Farma2019

← Torna inietro