OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Controllo dei sintomi e qualità della vita in pazienti con adenocarcinoma avanzato del polmone con mutazioni in EGFR trattati con Afatinib o Cisplatino e Pemetrexed


I sintomi riportati dai pazienti e i benefici in termini di qualità della vita legata alla salute sono stati valutati in uno studio randomizzato e di fase III riguardante Afatinib ( Giotrif ) o Cisplatino ( Platinex ) e Pemetrexed ( Alimta ).

Nello studio LUX-Lung 3, 345 pazienti con adenocarcinoma polmonare avanzato e positivo per mutazione nel recettore del fattore di crescita dell’epidermide ( EGFR ) sono stati assegnati in maniera casuale, e in un rapporto 2:1, ad Afatinib 40 mg al giorno o a un massimo di 6 cicli di Cisplatino / Pemetrexed.

I sintomi del tumore del polmone e la qualità di vita correlata alla salute sono stati valutati ogni 21 giorni fino alla progressione utilizzando diversi questionari: EORTC QLQ-C30 ( European Organisation for Research and Treatment of Cancer Quality of Life Questionnaire C30 ) e QLQ-LC13 ( Quality of Life Questionnaire - Lung Cancer-13 ).

Le analisi di tosse, dispnea e dolore sono state prepianificate e includevano la percentuale di pazienti migliorati nel corso della terapia, il tempo al peggioramento dei sintomi e il cambiamento dei sintomi nel tempo.

L’adesione ai questionari è risultata alta.

Rispetto alla chemioterapia, Afatinib ha ritardato significativamente il tempo al peggioramento della tosse ( hazard ratio [ HR ], 0.60; P=0.007 ) e della dispnea ( HR=0.68; P=0.015 ), ma non del dolore ( HR=0.83; P=0.19 ).

Più pazienti nel gruppo Afatinib ( 64% ), rispetto a chemioterapia ( 50% ), hanno mostrato miglioramenti nei punteggi di dispnea ( P=0.010 ).

Le differenze nei punteggi medi nel tempo sono risultati significativamente favorevoli ad Afatinib rispetto alla chemioterapia per tosse ( P inferiore a 0.001 ) e dispnea ( P inferiore a 0.001 ).

Afatinib ha mostrato punteggi medi significativamente migliori nel tempo per quanto riguarda lo status di salute globale / qualità di vita ( P=0.015 ) e fisica ( P inferiore a 0.001 ), funzionamento sociale ( P=0.004 ) e funzionamento cognitivo ( P=0.007 ), rispetto alla chemioterapia.

Fatigue e nausea sono risultate peggiori con la chemioterapia, mentre diarrea, disfagia e infiammazione della bocca sono risultate peggiori con Afatinib ( tutti P inferiori a 0.01 ).

In conclusione, nei pazienti con adenocarcinoma polmonare con mutazioni in EGFR, il trattamento di prima linea con Afatinib è risultato associato a un miglior controllo della tosse e della dispnea, rispetto alla chemioterapia, anche se diarrea, disfagia e infiammazione della bocca sono risultate peggiori.
Anche lo stato di salute globale / qualità di vita è migliorato nel tempo con Afatinib, rispetto alla chemioterapia. ( Xagena2013 )

Yang JC et al, J Clin Oncol 2013; 31: 3342-3350

Onco2013 Pneumo2013 Farma2013

← Torna inietro