OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Associazione tra radioterapia versus assenza di radioterapia in base alla risposta precoce alla chemioterapia VAMP e sopravvivenza in bambini con linfoma di Hodgkin a rischio favorevole


Oltre il 90% dei bambini con linfoma di Hodgkin a rischio favorevole raggiunge la sopravvivenza a lungo termine, anche se molti andranno incontro ad effetti tossici a causa della radioterapia.

Gli oncologi pediatrici cercano di mantenere tassi di cura eccellenti minimizzando gli effetti tossici.

È stato condotto uno studio per valutare l’efficacia di 4 cicli di Vinblastina, Adriamicina ( anche nota come Doxorubicina ), Metotrexato e Prednisone ( VAMP ) in pazienti con linfoma di Hodgkin a rischio favorevole che raggiungono una risposta completa dopo 2 cicli e non sono sottoposti a radioterapia.

Lo studio multi-istituzionale, non-in-cieco, non-randomizzato, a singolo gruppo e di fase 2, ha valutato la necessità di ricorrere a radioterapia in base alla risposta precoce alla chemioterapia.

Nel periodo 2000-2009 sono stati arruolati 88 pazienti con linfoma di Hodgkin di stadio I e II ( meno di 3 siti nodali, assenza di sintomi B mediastinici o estensione extranodale ).

Sono stati ottenuti dati di follow-up fino a marzo 2012.

I 47 pazienti che hanno ottenuto risposta completa dopo 2 cicli non sono stati sottoposti a radioterapia e i 41 con risposta non-completa hanno ricevuto 25.5 Gy di radioterapia sulle sedi coinvolte.

La principale misura di esito era la sopravvivenza libera da eventi a 2 anni.

Una sopravvivenza libera da eventi a 2 anni superiore al 90% era l’obiettivo desiderato, e una dell’80% è stata considerata bassa ma accettabile.

La sopravvivenza libera da eventi a 2 anni è stata pari al 90.8%.

Per i pazienti che non hanno avuto bisogno di radioterapia è stata del 89.4% rispetto al 92.5% per quelli sottoposti a radioterapia ( P=0.61 ).

I più comuni effetti avversi acuti sono stati: dolore neuropatico ( 2% dei pazienti ), nausea o vomito ( 3% dei pazienti ), neutropenia ( 32% dei cicli ) e neutropenia febbrile ( 2% dei pazienti ).

Nove pazienti ( 10% ) sono stati ricoverati in ospedale 11 volte ( 3% dei cicli ) per neutropenia febbrile o infezione non-neutropenica.

Gli effetti avversi a lungo termine dopo la radioterapia sono stati ipotiroidismo asintomatico compensato in 9 pazienti ( 10% ), osteonecrosi e moderata osteopenia in 2 pazienti per ciascun effetto ( 2% ), disfunzione polmonare subclinica in 12 pazienti ( 14% ) e disfunzione ventricolare sinistra asintomatica in 4 pazienti ( 5% ).

Non sono state osservate neoplasie maligne secondarie.

In conclusione, nei pazienti con linfoma di Hodgkin a rischio favorevole e una risposta completa precoce alla chemioterapia, l’uso di chemioterapia limitata ha portato a un elevato tasso di sopravvivenza libera da eventi a 2 anni. ( Xagena2012 )

Metzger ML et al, JAMA 2012; 307: 2609-2616


Emo2012 Pedia2012 Farma2012

← Torna inietro