OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Chemioterapia adiuvante nel carcinoma uroteliale del tratto superiore: studio POUT


I carcinomi uroteliali del tratto urinario superiore ( UTUC ) sono rari, con prognosi stadio per stadio più sfavorevole rispetto ai carcinomi uroteliali della vescica.
Non esiste consenso internazionale sul beneficio della chemioterapia adiuvante per i pazienti con tumore uroteliale del tratto urinario superiore dopo nefroureterectomia con intento curativo.

Lo studio POUT ( Peri-Operative chemotherapy versus sUrveillance in upper Tract urothelial cancer ) ha valutato l'efficacia della chemioterapia sistemica a base di Platino in pazienti con tumore uroteliale del tratto urinario superiore.

È stato condotto uno studio di fase 3, in aperto, randomizzato e controllato presso 71 ospedali nel Regno Unito.
Sono stati reclutati pazienti con tumore uroteliale del tratto urinario superiore dopo nefroureterectomia stadiati come pT2-T4 pN0-N3 M0 o pTany N1-3 M0.
I pazienti sono stati assegnati casualmente a sorveglianza o a quattro cicli di chemioterapia di 21 giorni.

La chemioterapia era a base di Cisplatino ( 70 mg/m2 ) oppure Carboplatino ( area sotto la curva AUC4.5 / AUC5, per tasso di filtrazione glomerulare inferiore a 50 ml/min ) somministrata per via endovenosa il giorno 1 e Gemcitabina ( 1.000 mg/m2 ) somministrata per via endovenosa nei giorni 1 e 8; la chemioterapia è iniziata entro 90 giorni dall'intervento.

Il follow-up ha incluso valutazioni cistoscopiche, radiologiche e cliniche standard.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da malattia analizzata per intention-to-treat con una regola di arresto Peto-Haybittle per efficacia o inefficacia.

Un'analisi intermedia pianificata ha soddisfatto il criterio di efficacia per la chiusura anticipata dopo il reclutamento di 261 partecipanti.

Tra il 2012 e il 2017 sono stati arruolati 261 partecipanti da 57 su 71 siti di studio aperti. 132 pazienti sono stati assegnati alla chemioterapia e 129 alla sorveglianza.
Un partecipante assegnato alla chemioterapia ha ritirato il consenso per l'uso dei dati dopo la randomizzazione ed è stato escluso dalle analisi.

La chemioterapia adiuvante ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da malattia [ DFS ] ( hazard ratio, HR=0.45, P=0.0001 ) con un follow-up mediano di 30.3 mesi.
Le stime libere da eventi a 3 anni sono state rispettivamente del 71% e del 46% per la chemioterapia e la sorveglianza, rispettivamente.

In tutto 55 dei 126 partecipanti ( 44% ) che hanno iniziato la chemioterapia hanno avuto eventi avversi acuti di grado 3 o superiore, emergenti dal trattamento, in accordo con eventi frequentemente riportati per il regime chemioterapico.
5 dei 129 pazienti ( 4% ) gestiti con la sorveglianza hanno presentato eventi avversi acuti di grado 3 o superiore.
Non sono stati riportati decessi correlati al trattamento.

La chemioterapia di combinazione Gemcitabina - Platino iniziata entro 90 giorni dopo la nefroureterectomia ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da malattia nei pazienti con carcinoma uroteliale del tratto urinario superiore localmente avanzato.
La chemioterapia a base di Platino adiuvante dovrebbe essere considerata un nuovo standard di cura dopo la nefroureterectomia per questa popolazione di pazienti. ( Xagena2020 )

Birtle A et al, Lancet 2020; 395: 1268-1277

Uro2020 Onco2020 Farma2020

← Torna inietro