OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Efficacia dell'Acido Zoledronico in combinazione con terapia endocrina adiuvante a base di Tamoxifene rispetto ad Anastrozolo in aggiunta a soppressione della funzione ovarica nel carcinoma mammario precoce


La somministrazione di Acido Zoledronico ( Zometa ) in combinazione con terapia endocrina adiuvante è risultata associata a un significativo miglioramento della sopravvivenza libera da malattia ( DFS ) sia dopo un follow-up di 48 mesi che di 62 mesi nell'ambito dello studio clinico ABCSG-12 ( Austrian Breast and Colorectal Cancer Study Group Trial 12 ).

Sono stati presentati i risultati in termini di efficacia di una ulteriore analisi finale al termine di un follow-up di 94.4 mesi.

Le pazienti arruolate nello studio erano donne in pre-menopausa sottoposte ad intervento chirurgico primario per carcinoma mammario in stadio I o II, con meno di 10 linfonodi positivi e tumore positivo per il recettore degli estrogeni e/o per il recettore del progesterone.

Tutte le 1.803 pazienti incluse nello studio hanno ricevuto terapia standard a base di Goserelin ( Zoladex ) alla dose di 3.6 mg ogni 28 giorni ) e sono state randomizzate a ricevere Tamoxifene ( alla dose di 20 mg al giorno ) o Anastrozolo ( alla dose di 1 mg al giorno; Arimidex ), in associazione o meno ad Acido Zoledronico ( alla dose di 4 mg ogni 6 mesi ) per un periodo di 3 anni.

Endpoint primario dello studio era la sopravvivenza libera da malattia, mentre gli endpoint secondari erano la sopravvivenza libera da recidiva e la sopravvivenza globale.

Dopo un follow-up mediano di 94.4 mesi ( intervallo: 0-114 mesi ), il rischio relativo di progressione della malattia ( hazard ratio, HR = 0.77; intervallo di confidenza [ IC ] 95%: 0.60-0.99; P = 0.042 ) e il rischio relativo di morte ( HR = 0.66; IC 95%: 0.43-1.02; P = 0.064 ) sono risultati ancora ridotti in seguito a somministrazione di Acido Zoledronico, ma senza la significatività precedentemente definita.
Nel complesso, sono stati osservati 251 casi di sopravvivenza libera da malattia e 86 decessi.
La somministrazione di Acido Zoledronico è stata associata a una diminuzione del rischio assoluto del 3.4% per la sopravvivenza libera da malattia e del 2.2% per la sopravvivenza globale.
Non sono state osservate differenze in termini di sopravvivenza libera da malattia fra le pazienti trattate con Tamoxifene in monoterapia e le pazienti trattate con Anastrozolo in monoterapia, mentre è stato osservato un pronunciato aumento del rischio di morte nelle pazienti trattate con Anastrozolo ( HR = 1.63; IC 95%: 1.05-1.45; P = 0.030 ).

I trattamenti sono risultati essere generalmente ben tollerati, senza alcuna segnalazione di insufficienza renale o osteonecrosi della mandibola.

In conclusione, i risultati finali dello studio ABCSG-12 hanno indicato che la somministrazione semestrale di Acido Zoledronico migliora l'efficacia della terapia endocrina adiuvante, con un beneficio mantenuto nel lungo termine. ( Xagena2015 )

Gnant M et al, Ann Oncol 2015; 26: 313-320

Onco2015 Gyne2015 Endo2015 Farma2015

← Torna inietro