OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Denosumab efficace nella prevenzione delle complicanze a carico dell'apparato scheletrico nei pazienti con carcinoma prostatico resistente a castrazione


In un precedente studio clinico di fase III, la somministrazione di Denosumab ( Xgeva ) nei pazienti con carcinoma prostatico resistente a castrazione ( CRPC ) e metastasi ossee, è risultata essere superiore rispetto alla somministrazione di Acido Zoledronico ( Zometa ) nel ridurre l'incidenza di eventi correlati all'apparato scheletrico, quali radioterapia ossea, fratture patologiche, chirurgia ossea o compressione del midollo spinale.

Uno studio clinico è stato condotto al fine di approfondire l'efficacia di Denosumab nel ridurre l'incidenza di eventi sintomatici dell'apparato scheletrico come endpoint pre-specificato di una analisi esplorativa.

Pazienti con carcinoma prostatico resistente a castrazione, non-esposti in precedenza a bifosfonati e con evidenza radiografica di metastasi ossee, sono stati randomizzati a ricevere 120 mg di Denosumab per via sottocutanea in combinazione a iniezione endovenosa di placebo ogni 4 settimane o iniezione endovenosa di 4 mg di Acido Zoledronico in combinazione a iniezione sottocutanea di placebo ogni 4 settimane, durante la fase di trattamento in cieco.

Gli eventi sintomatici dell'apparato scheletrico sono stati definiti come la ricezione di radioterapia ossea, frattura patologica sintomatica, intervento di chirurgia ossea o compressione sintomatica del midollo spinale.
Le relazioni fra gli eventi correlati all'apparato scheletrico o gli eventi sintomatici dell'apparato scheletrico con il tempo al dolore moderato / grave sono state valutate utilizzando la scala BPI-SF ( Brief Pain Inventory Short Form ).

Il trattamento con Denosumab ha ridotto in modo significativo il rischio di sviluppo sia del primo evento sintomatico dell'apparato scheletrico ( hazard ratio, HR = 0.78; intervallo di confidenza [ IC ] 955: 0.66-0.93; P = 0.005 ] che del primo e dei successivi eventi sintomatici dell'apparato scheletrico ( rate ratio, RR=0.78; IC 95%: 0.65-0.92; P = 0.004 ) rispetto alla somministrazione di Acido Zoledronico.

Le differenze di trattamento nel numero di pazienti con eventi sintomatici dell'apparato scheletrico o con eventi correlati all'apparato scheletrico sono risultate simili ( n = 48 e n = 45, rispettivamente ).

Nei pazienti che presentavano dolore lieve o nessun dolore al basale, l'incidenza sia di eventi correlati all'apparato scheletrico che di eventi sintomatici dell'apparato scheletrico è risultata associata allo sviluppo di dolore moderato o grave ( P minore di 0.0001 ).

Un minor numero di pazienti ha avuto complicanze a carico dell'apparato scheletrico, in particolare fratture ossee, quando definiti in base agli eventi sintomatici dell'apparato scheletrico rispetto agli eventi correlati all'apparato scheletrico.

In conclusione, nei pazienti con carcinoma prostatico resistente a castrazione, la somministrazione di Denosumab è risultata associata a una riduzione del rischio di complicanze a carico dell'apparato scheletrico rispetto al trattamento con Acido Zoledronico, indipendentemente dalla scelta degli eventi sintomatici dell'apparato scheletrico o degli eventi correlati all'apparato scheletrico come endpoint dello studio. ( Xagena2015 )

Smith MR et al, Ann Oncol 2015; 26: 368-374

Onco2015 Uro2015 Endo2015 Farma2015

← Torna inietro