OncoNews.net


Database in Oncologia & OncoEmatologia / Oncology & OncoHematology




Aggiunta di Docetaxel o bifosfonati alla cura standard negli uomini con cancro alla prostata ormone-sensibile localizzato o metastatico


Sono stati pubblicati i risultati di grandi studi randomizzati controllati che hanno combinato Docetaxel ( Taxotere ) o bifosfonati con lo standard di cura nel carcinoma della prostata ormone-sensibile.

Al fine di indagare gli effetti di queste terapie e le prove emergenti, sono stati rivisti in modo sistematico tutti gli studi pertinenti in una meta-analisi di studi randomizzati e controllati che hanno messo a confronto uno standard di cura con o senza Docetaxel o uno standard di cura con o senza bifosfonati negli uomini con carcinoma della prostata ormono-sensibile ad alto rischio localizzato o metastatico.

Per ogni studio, sono stati estratti gli hazard ratio ( HR ) degli effetti di Docetaxel o dei bifosfonati sulla sopravvivenza ( tempo dalla randomizzazione fino alla morte per qualsiasi causa ) e la sopravvivenza libera da fallimento ( tempo dalla randomizzazione al fallimento biochimico o clinico o morte per qualsiasi causa ).

Sono stati identificati 5 studi randomizzati controllati ammissibili di Docetaxel negli uomini con malattia metastatica ( M1 ).
I risultati di 3 di questi studi ( CHAARTED, GETUG-15, STAMPEDE ) ( 2.992 su 3.206 uomini randomizzati, 93% ) hanno mostrato che l'aggiunta di Docetaxel allo standard di cura ha migliorato la sopravvivenza.

L’hazard ratio di 0.77 ( P minore di 0.0001 ) si è tradotto in un miglioramento assoluto nella sopravvivenza a 4 anni del 9%.

Docetaxel in aggiunta alla terapia standard ha anche migliorato la sopravvivenza libera da fallimento con un hazard ratio di 0.64 ( P minore di 0.0001 ) che si è tradotto in una riduzione dei tassi di insuccesso a 4 anni assoluti del 16%.

Sono stati identificati 11 studi di Docetaxel per gli uomini con malattia localmente avanzata ( M0 ).
I risultati di sopravvivenza da 3 di questi studi ( GETUG-12, RTOG 0521, STAMPEDE ) ( 2.121 su 3.978 uomini, 53% ) non hanno mostrato alcuna evidenza di beneficio dall'aggiunta di Docetaxel ( HR=0.87; P=0.218 ), mentre i dati di sopravvivenza libera da fallimento da 4 di questi studi ( GETUG-12, RTOG 0521, STAMPEDE, TAX 3501 ) ( 2.348 su 3.978 uomini, 59% ) hanno dimostrato che Docetaxel ha migliorato la sopravvivenza libera da fallimento ( HR=0.70; P minore di 0.0001 ), che si traduce in un tasso di fallimento a 4 anni assoluto ridotto dell'8%.

Sono stati identificati 7 studi randomizzati controllati di bifosfonati ammissibili per gli uomini con malattia M1.
I risultati di sopravvivenza di 3 di questi studi ( 2.740 su 3.109 uomini, 88% ) hanno mostrato che l'aggiunta di bifosfonati ha migliorato la sopravvivenza ( HR=0.88; P=0.025 ), che si traduce in un miglioramento assoluto del 5%, ma questo risultato è stato influenzato dal risultato positivo di uno studio con Clodronato sodico ( Clasteon ), e non è stata trovata alcuna evidenza di un beneficio dall'aggiunta di Acido Zoledronico ( Zometa ) ( HR=0.94; P=0.323 ), che si traduce in un miglioramento assoluto nella sopravvivenza del 2% ( da -3 a 7 ).

Su 17 studi di bifosfonati per gli uomini con malattia M0, i risultati di sopravvivenza da quattro studi ( 4.079 su 6.220 uomini, 66% ) non hanno mostrato alcuna evidenza di beneficio dall'aggiunta di bifosfonati ( HR=1.03; P=0.724 ) o Acido Zoledronico ( HR=0.98; P=0.782 ).

Le definizioni di sopravvivenza libera da fallimento erano troppo non-uniformi per una formale meta-analisi degli studi con bifosfonati.

L'aggiunta di Docetaxel allo standard di cura deve essere considerata una cura standard per gli uomini con cancro alla prostata ormone-sensibile M1 che iniziano il trattamento per la prima volta.
Sono necessarie altre evidenze sugli effetti del Docetaxel sulla sopravvivenza nella malattia M0.
Non esistono prove che suggeriscono che l'Acido Zoledronico migliori la sopravvivenza negli uomini con malattia M1 o M0, e qualsiasi potenziale beneficio è probabilmente piccolo. ( Xagena2016 )

Vale CL et al, Lancet 2016; 17: 243-256

Onco2016 Uro2016 Farma2016

← Torna inietro